Aglio, per combattere il rischio di tumore

da , il

    aglio

    Trovo molto gustoso cucinare usando un po’ d’aglio, soprattutto quando faccio la verdura trifolata o dei piatti di carne. Dà sapore e permette di usare meno condimento. Certo che per l’alito non è il massimo. Grazie a uno studio pilota condotto da un gruppo di ricercatori dell’Ohio State University’s Comprehensive Cancer Center guidati da Earl Harrison e pubblicato sulla rivista Analytical Biochemistry, all’aglio viene ora riconosciuta anche una proprietà anti-cancerogena: tanto più se ne consuma, tanto più basso è il rischio che si sviluppi la malattia.

    L’aglio sarebbe in grado di intervenire nel processo chimico che porta alla formazione delle cellule tumorali, interrompendolo. Il livello di aglio contenuto nelle urine può essere messo in evidenza, spiegano i ricercatori, attraverso un test delle urine messo a punto per lo studio in grado di predire anche il rischio-cancro.

    “Abbiamo sviluppato un metodo per misurare nelle urine due composti diversi, quello che mette in evidenza il rischio di incorrere nel cancro e quello che indica l’entità del consumo di aglio – spiega Harrison, docente di Nutrizione umana della Ohio State University e principale autore dello studio. Poi, ricordate che per la pressione fa miracoli.

    Dolcetto o scherzetto?