Alimentazione equilibrata: arriva la “frutta nelle scuole”

da , il

    I bambini e la frutta, un binomio poco riuscito. Per non parlare di quello i bambini e la verdura. Eppure fa bene ed è necessaria, dobbiamo fare in modo che i nostri piccoli abbiamo un’alimentazione molto variata. Ecco perché il ministero delle politiche agricole ha deciso di contribuire al progetto ‘Frutta nelle scuole - Nutrirsi bene, un insegnamento che frutta’, condotto in collaborazione tra Unione europe. Il primo lotto (cinque in tutto) prevede 976 kg di frutta, divisi in 20 ‘somministrazioni’, distribuiti a 325 mila ragazzini di 1.700 scuole elementari in 10 regioni italiane. L’obiettivo è diffondere la cultura della sana alimentazione.

    La distribuzione gratuita della frutta fresca nelle scuole, infatti, è accompagnata da eventi informativi per dare maggiore efficacia all’azione educativa. Ecco il commento di Renzo Piraccini, direttore generale di Apofruit Italia, la ditta che si è aggiudicata due lotti: “La distribuzione di mele, kiwi, fragole e avverrà lontano dai pasti; la merenda a base di frutta (più salutare e meno calorica ndr), infatti, non è considerata sostitutiva del pranzo e deve coincidere con un momento educativo specifico”.

    Ma c’è molto di più: spettacoli teatrali, giochi e animatori per imparare a conoscere la frutta. Oltre alla buona frutta, arrivano in classe colori, giochi e materiali didattici, performance teatrali, premi e gadget, secondo un percorso ludico pedagogico che tende a coinvolgere non solo i bambini, ma anche gli insegnanti e le famiglie.

    Un passo alla volta verso un’alimentazione che non è solo nutrizione, ma conoscenza. Agli insegnanti un compito importante. Ricordo però che due pasti, alle volte anche tre, vengono fatti in casa, quindi sta ai genitori dare la prima base.

    Foto tratte da

    fruitforourchildren.com

    wodongaeyecare.com

    masterfile.com

    davidsonread.com