Bere birra fa bene, ma senza esagerare nelle dosi

da , il

    bere birra cuore

    Vino e birra sono le bevande alcoliche maggiormente consumate. Si sa però che, in entrambi i casi, è meglio assumerle con una certa moderazione perché possono fare male alla salute e soprattutto fanno ingrassare terribilmente. Cosa preferite tra le due? Sappiate che la gara, secondo i ricercatori della Fondazione “Giovanni Paolo II” di Campobasso, è stata vinta dalla bionda, perché ha una gradazione alcolica molto bassa e sembra avere effetti positivi sul cuore. Non bisogna mai superare il mezzo litro.

    Il motivo di questa limitazione? È facilmente comprensibile. La protezione si ha solo quando il consumo è basso o moderato, mentre con un consumo crescente svanisce fino al punto che il rischio diventa più alto dei benefici. A sostenere questa tesi è la coordinatrice Simona Costanzo.

    Secondo i dati elaborati durante lo studio è stato abbastanza evidente che i tassi della mortalità cardiaca tra coloro che fanno un consumo modesto rispetto ai non bevitori sono diminuiti di circa il 31 per cento.

    Attenzione però questa regola non è adatta a tutti. Ci sono, infatti, delle persone che dovrebbero evitare. Per esempio, nelle giovani donne ancora in età fertile, per esempio, l’alcol può aumentare il rischio di alcuni tipi di cancro che potrebbe ridurre il beneficio dato dalle bevande alcoliche alla salute. Sia la birra sia il vino contengono polifenoli, antiossidanti naturali che possono prevenire l’invecchiamento cellulare, ma – come hanno specificato i ricercatori – devono sempre essere assunti in modo moderato e regolare.