BMI addio, ora c’è l’Indice di adiposità corporea (BAI)

da , il

    Indice adiposità corporea

    L’indice di massa corporea sta per andare in pensione. Un gruppo di scienziati ha elaborato un nuovo strumento per misurare il sovrappeso. Si chiama Indice di adiposità corporea (BAI), si basa su rilevamenti fatti a livello di altezza e fianchi ed è finalizzato a offrire un’alternativa più flessibile all’indicatore cui siamo sempre stati abituati. L’idea è di un gruppo di ricercatori dell’Università della California del sud. Il BAI, corregge i difetti del comune IMC e misura la percentuale di grasso direttamente nelle donne e negli uomini adulti di diversi gruppi etnici. Ma scopriamo qualcosa in più.

    L’indice è stato sviluppato a partire dai dati del BetaGene, uno studio sulla popolazione messicana-americana. Consiste in un complesso rapporto tra la misura della circonferenza dei fianchi e l’altezza. In sostanza si divide la circonferenza dei fianchi per l’altezza elevata alla 1.5, meno 18. Il classico peso e altezza dell’IMC era un po’ troppo restrittivo.

    Dolcetto o scherzetto?