Cenone di Natale, qualche idea tradizionale light

Cenone di Natale, qualche idea tradizionale light
da in Calorie, Colesterolo, In Evidenza, Ricette Light
Ultimo aggiornamento:

    Avete già un programma del pranzo o cena di Natale. Siete legati alla tradizione o avete voglia di sperimentare. Di solito per queste feste, vincono i patti tipici della cucina locale, fatti di prelibatezze ad alto contenuto calorico. Rispettando la tradizione, vorrei proporvi un menù light. Ovvero consigliavi cosa preferire e cosa scartare per il vostro banchetto, affinché possiate godere di pietanze raffinate e difendere la vostra linea. Partiamo da una consuetudine: quasi in tutta Italia la Vigilia è rigorosamente di magro e a base di pesce, sulle tavole del 25 dicembre si susseguono una serie invitante di piatti e intingoli a base di carne, volatili e maiale.

    Iniziamo dall’antipasto (mi rendo conto che i piatti variano da regione a regione): di solito tartine, patè e insalata russa danno il la alla grande abbuffata natalizia soprattutto al nord, ma un ottimo brodo di carne, dove affogare la pasta ripiena non può mancare neppure al sud, nonostante la sera prima si sia già banchettato fino a tardi. Evitiamo i patè e i piatti pieni di maionese, molto meglio qualche affettato misto.

    I cappelletti in brodo, invece, sono un pasto completo non molto grasso e sono meno calorici dei primi asciutti come cannelloni, crespelle e pasta al forno. Fra le seconde portate favorite il cappone ai bolliti misti, evitate zampone e contecchino, molto meglio un arrosto.

    Concesso però (non si può privarsi di tutto) una fetta di panettone, pandoro, torrone e dolci.

    Foto tratte da
    bologna.ws
    giallozafferano.it

    286

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN CalorieColesteroloIn EvidenzaRicette Light
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI