Cenone di Natale, vincono i piatti tradizionali

da , il

    Il classico panettone

    La sperimentazione dei sapori è divertente, ma non a Natale. Per questa festa la cucina tradizionale vince sull’esotico, che invece trionfa nella vita di tutti i giorni. Devo dirvi la verità, nonostante i piatti tipici siano un vero attentato alla linea, immaginiamo solo gli antipasti pieni di maionese, è bello avere un periodo dell’anno per riscoprire i sapori della propria cultura. Secondo una recente sondaggio della Coldiretti, nove italiani su dieci hanno dichiarato che trascorreranno vigilia e pranzo di Natale in compagnia di parenti e amici a gustare le specialità della tradizione.

    Federalimentare-GPF, invece, ha analizzato come si è evoluta la tavola di Natale e quali siano i piatti più gettonati. Tra i primi piatti della Vigilia si servono soprattutto lasagne al forno (17,3%) e pasta in generale (15,4%). Tra i secondi il pesce resta leader (57,4%) ma c’è posto anche per le carni: a fine pasto, invece, il panettone (63%) supera di gran lunga il pandoro (27,8%). Tra le bevande, il vino rosso batte di misura il bianco (56,9% vs 54,6%) e prosecco (53,2%). In ombra, invece lo champagne (4,5%).

    Per chi preferisce il pranzo del 25, il menu natalizio riflette il pranzo della domenica, con salumi, lasagne e tortellini, carni rosse e bianche, panettone e vino rigorosamente italiano. Tra i secondi li italiani preferiscono vitello o manzo al forno (32,5%), seguiti dal cappone (16,4%) e dal tacchino farcito al forno (12,8%).

    Il sondaggio sottolinea inoltre che il pranzo di Natale – preferito dal 65% dei nostri connazionali – batte la cena della Vigilia e il Cenone di Capodanno. Per la tavola delle Feste gli italiani diranno comunque sì alla qualità e al gusto e no agli sprechi e alle abbuffate indiscriminate. E voi cosa avete in programma? Qui trovate un menù per pranzo o cena in versione light.