Colesterolo più basso con le mandorle

Colesterolo più basso con le mandorle
da in Antiossidanti, Colesterolo, Frutta, Ipertensione, colesterolo basso, curiosità
Ultimo aggiornamento:

    Mandorle e colesterolo

    Per combattere il colesterolo non ci vuole molto. Le regole principali sono un po’ di movimento e una dieta con pochi grassi. C’è anche un altro trucco, con cui aiutarvi, ovvero una manciata di mandorle. Abbiamo già detto quanto sia importante mangiare frutta secca per mantenere i valori del colesterolo nei parametri. Di solito il consiglio è di una noce a pasto, oggi però facciamo presente un altro frutto dalle potenti proprietà. La mandorla ha un’azione antiossidante, tipica della frutta a guscio, molto efficace e capace di “spegnere” due marcatori dello stress ossidativo associati al colesterolo alto. A sostenerlo sono i ricercatori della Tufts University di Boston.

    La teoria è stata dimostrata con un test. 27 volontari, uomini e donne, si sono sottoposti a tre diversi regimi alimentari.

    I soggetti che hanno consumato la dose completa di mandorle (73 grammi) risultavano più protetti dai grassi che danneggiano le arterie.

    Il dato che lo ha testimoniato è quello relativo alla quantità di malondialdeide plasmatica (MDA), che risultava attenuata del 19%, e i livelli di isoprostani urinari, ridotti del 27% rispetto all’inizio del trattamento. Per noi che non siamo medici sono dettagli un po’ complessi, ciò che conta è che i parametri si sono abbassati.

    Perché la mandorla ha questa proprietà? Secondo i ricercatori, è grazie ai nutrienti anti-radicali liberi, alla vitamina E e, soprattutto, ai flavonoidi, composti polifenolici comuni a molti tipi di frutta a guscio, mandorle e noci comprese. Hanno il ruolo di “spazzini” dei radicali liberi e riescono a mantenere il cuore e le arterie in salute.

    308

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AntiossidantiColesteroloFruttaIpertensionecolesterolo bassocuriosità

    Speciale Pasqua

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI