Come evitare le allergie alimentari durante le vacanze

da , il

    exotic fruits

    Evitare le allergie alimentari durante le vacanze non è sempre facilissimo? Oggi seguendo alcune indicazioni fornite dagli esperti della SIAIC-Società Italiana Immunologia e Allergia Clinica, vediamo come stare alla larga da eventuali rischi, soprattutto per quanto riguarda quei prodotti di cui non conosciamo la provenienza. Se già avete ben chiaro a cosa siete allergici, sarà decisamente più facile: vi basta non mangiare quel prodotto. Ma come evitare sgradevoli sorprese con quei cibi a noi sconosciuti?

    Prima di tutto è meglio evitare di mangiare frutta esotica, pesce e frutti di mare crudi. Allora, in entrambi i casi parliamo di prodotti buoni e appetitosi, ma tra le eventuali allergie e la conservazione del cibo, credo che sia meglio fare un sacrificio e non mangiare nulla del genere.

    Sebastiano Gangemi, consigliere SIAIC, ha spiegato: “Tra i rischi cui sono esposti i soggetti con allergie alimentari che si recano in posti esotici va citata l’ingestione di vari tipi di frutta “esotica” (kiwi, ananas, mango, papaya, avocado) che ha similitudini molecolari (cross-reattività) con il lattice della gomma cui una percentuale della popolazione è allergica”.

    Tornando al pesce crudo, ricordiamo che può essere infestato da parassiti come l’anisakis (può trovarsi nel merluzzo, tonno, acciughe, alici, sgombro, sardine ecc..) e può indurre reazioni allergiche anafilattiche. Inoltre, oltre alle creme solari, al pareo e al costume, ricordate di mettere in valigia i farmaci giusti, soprattutto quelli consigliati dall’allergologo. Meglio essere sicuri di avere con sé quanto necessario, soprattutto se siete diretti in un posto lontano da casa.