Cookie Diet, i biscotti che fanno dimagrire

da , il

    Sono molte le persone che mangiano biscotti per dimagrire. Non sono ovviamente biscotti qualunque, non pensiate a quelli belli burrosi, magari ricoperti di cioccolato. Sono iperproteici e prodotti in maniera specializzata dall’azienda del dottor Siegal.

    La moda sta dilagando al punto che ad analizzarne la validità scientifica e i risvolti economici è stato il New York Times con un’inchiesta pubblicata online. Secondo il quotidiano sono circa mezzo milione le persone che praticano questa forma di alimentazione estrema per perdere peso. Se fate conto che un pacchetto di biscotti costa 56 dollari vi accorgerete che si parla di business a molti zeri.

    Il marchio Cookie Diet ha avuto nel 2009 un giro d’affari di 18 milioni di dollari. Coi biscotti comunque si dimagrisce e anche in modo veloce perché si assumono solo tra le 800 e le 1.200 calorie al giorno.

    Le controindicazioni? I biscotti non contengono elementi essenziali per il nostro corpo. I principali effetti collaterali sono i calcoli biliari, le palpitazioni cardiache e l’indebolimento delle funzioni epatiche.

    Senza contare il possibile contributo dato al divorzio di Madonna che poco prima di lasciare Guy Ritchie si lamentò che il marito non riusciva più a fare sesso perché spossato da una dieta a base di biscotti. Meglio allora un bel biscottino energetico all’anice, qualche chilo in più e salvare il matrimonio.

    Foto tratte da

    cookaround.org

    biscottiandmore.com

    blogspot.com

    malvestite.net