Curcuma per dimagrire: come assumerla per avere effetti dimagranti

La curcuma è una spezia dalle molteplici proprietà e stando agli esperti, è utile anche per dimagrire. Scopriamo cos'è, quali sono i benefici che apporta e come assumerla per avere effetti dimagranti notevoli, introducendola nella propria alimentazione in modo equilibrato.

da , il

    Curcuma per dimagrire: come assumerla per avere effetti dimagranti

    La curcuma per dimagrire è ottima ma come assumerla per avere effetti dimagranti? Questa spezia oltre a impreziosire le ricette con il suo profumo delicato, è nota per le sue proprietà brucia grassi conquistando così il titolo di valida alleata nelle lotte contro i chili di troppo. Utilizzata da secoli e presente soprattutto nella tradizione della cucina medio orientale ed asiatica, la curcuma ha viaggiato per il mondo, ha incontrato e convinto nuove culture gastronomiche soprattutto per i suoi straordinari benefici. Ecco una semplice guida sulle proprietà della curcuma e su come sfruttarle in modo efficace per la nostra dieta.

    Curcuma: cos’è

    La pianta della curcuma, da cui viene ricavata la spezia, appartiene alla famiglia delle Zingiberaceae, che include circa 80 specie. E’ provvista di foglie dalla forma appuntita, lunghe e rigide. Dal rizoma viene ricavata la spezia aromatica dal caratteristico colore dorato, utilizzata anche come colorante naturale.

    La spezia più utilizzata deriva dalla specie Curcuma longa o zafferano delle Indie, ingrediente principale del curry indiano.

    Curcuma: a cosa fa bene

    Le proprietà e i benefici della curcuma sono innumerevoli: è nota soprattutto per il suo potere antinfiammatorio e antiossidante ma, non va dimenticato che, questo ingrediente favorisce la perdita di peso. Difatti rientra fra i cibi che mantengono attivo il metabolismo contribuendo ad un’assimilazione inferiore di zuccheri.

    Recenti studi hanno inoltre individuato nella curcumina, presente nella spezia, la capacità di interagire con il tessuto adiposo riducendo l’infiammazione. E poi la curcuma aiuta la digestione e aumenta la bile nel fegato aiutando così la ripartizione dei grassi alimentari.

    Curcuma e dieta dimagrante

    turmeric 2344157_960_720

    La curcuma fa dimagrire? E quali sono i suoi benefici per la dieta? Secondo gli esperti è sicuramente utilissima per perdere peso, difatti un cucchiaino di curcuma ha solamente due calorie.

    Ma a cosa serve la curcuma? Agisce direttamente sulle cellule adipose stimolando gli adipociti a secernere e rilasciare l’adinopectina, molecola che favorisce la liberazione e l’utilizzazione delle riserve di grasso. L’adinopectina aiuta anche il fegato a lavorare meglio favorendo la metabolizzazione dei grassi consumati durante i pasti.

    E le proprietà dimagranti della curcuma non si esauriscono qui: grazie alla curcumina in essa contenuta, contrasta l’infiammazione cronica di basso livello causata, in alcuni casi, dall’obesità.

    Inoltre riduce il senso di fame stimolando l’ormone leptina e contrasta il ristagno di liquidi, che com’è noto interviene nella formazione di cuscinetti adiposi. Per beneficiare delle sue proprietà dimagranti, si può sia aggiungere sotto forma di spezia alle pietanze, o assumerla sotto forma di compresse di curcuma.

    Curcuma: come assumerla

    curcuma bevanda

    Come assumere la curcuma? Innanzitutto andrebbe inserita negli alimenti preferibilmente a crudo o a fine cottura per evitare che la temperatura elevata possa ridurre le proprietà e i principi attivi della spezia. Un consiglio? Associatela al pepe nero, il vostro organismo l’assorbirà più facilmente. Impreziosite le vostre zuppe o i vostri risotti insieme o al posto dello zafferano, oppure aggiungete qualche cucchiaio di curcuma al vostro olio extra vergine, otterrete un olio profumato per arricchire tutti i vostri piatti.

    La curcuma a colazione o a digiuno è altrettanto ottima ma come utilizzarla? Semplice, per dimagrire preparate il latte con la curcuma o golden milk, tanto amato dalle star, oppure aggiungetela al tè verde. Entrambe queste bevande se arricchite dalla spezia assicurano un autentico effetto detox.

    Curcuma: la dose giornaliera

    Un paio di cucchiaini al giorno di curcuma sono la quantità ideale. Il principale consiglio è quello di non eccedere con le dosi, specialmente in caso di calcoli, gravidanza e allattamento, ma di divertirvi in cucina ad impreziosire le vostre ricette con questa straordinaria spezia.

    Esistono anche compresse di curcuma ma risulta comunque efficace l’uso quotidiano della spezia, specialmente se associato ad un regime alimentare corretto e a un’attività fisica equilibrata.

    Curcuma: effetti collaterali

    La curcuma non comporta effetti collaterali per le persone in salute fatta eccezione per le dosi eccessive che possono causare disordini gastrici. In caso di patologie particolari, per esempio occlusione delle vie biliari, è indispensabile consultare il medico prima di consumarla e lo stesso consiglio vale per le donne in gravidanza e in allattamento.

    Meglio evitarla anche in caso di problemi alla cistifellea e di coagulazione del sangue perché ha un effetto anticoagulante.

    Curcuma in cucina

    Come usare la curcuma in cucina? Le ricette sono davvero tantissime, ma può esser aggiunta a qualsiasi piatto a crudo o a fine cottura. Il suo profumo delicato le permette di incontrare numerosi sapori: dal dolce, regalando un gusto speziato e originale, al salato, contribuendo al raggiungimento di un giusto equilibrio.

    Dove si compra la curcuma

    La curcuma può essere acquistata nei supermercati più forniti, rispetto a qualche anno fa, infatti, è facilmente reperibile anche nei negozi italiani.

    Viene venduta essiccata o macinata e si riconosce per il caratteristico colore giallo, che spesso induce a confonderla con lo zafferano, più costoso.