Dieta adamski: cos’è e funziona?

Ciò che ha messo a punto il naturopata Frank Laporte Adamski è un piano di educazione alimentare che divide i cibi in lenti e veloci e il benessere e il dimagrimento scaturisce dalla loro giusta combinazione. Non ci sono quindi tabelle con calorie ma solo i corretti abbinamenti. Alla base della nostra salute c’è infatti un intestino pulito.

da , il

    Dieta adamski: cos’è e funziona?

    Il metodo Adamski prende il nome dal naturopata che l’ha ideato, Frank Laporte Adamski, e si basa sulla corretta combinazione tra i cibi nel corso della giornata, utili non solo a favorire il dimagrimento ma anche a limitare la comparsa di alcuni disturbi come gonfiore addominale e pesantezza, stitichezza. Vediamo meglio di capire cos’è e se funziona.

    Come funziona la dieta adamski

    Non si tratta in sostanza di una vera e propria dieta in cui si stilano le calorie giornaliere, ma un’educazione alimentare volta ad alleggerire il lavoro digestivo. Per Adamski alla base della nostra salute c’è un intestino pulito e in forma; per questo è necessario fare uso di cibi facilmente digeribili e soprattutto di combinarli bene. Per questo divide quindi i cibi in due grandi categorie: veloci-acidi e lenti-non acidi. Il concetto fondamentale di questo regime alimentare è quello di non mangiare insieme alimenti lenti e alimenti veloci. In più, è bene combinare con le due categorie i cosiddetti cibi neutri perché accelerano la digestione. Vediamo quali sono questi alimenti

    Cibi veloci

    • Yogurt
    • frutta
    • pomodori
    • peperoni
    • peperoncino
    • miele
    • frutta disidratata e candita.

    Cibi lenti

    • pane
    • pasta
    • carboidrati
    • pesce
    • carne
    • latticini
    • verdura.

    Esistono poi dei cibi neutri:

    • aglio
    • scalogno
    • prezzemolo
    • basilico
    • pepe
    • melanzane
    • capperi
    • latte vaccino
    • caffè
    • birra
    • vino rosso
    • olio
    • aceto
    • zucchero
    • cipolla
    • cioccolato fondente.

    Dieta Admaski: abbinare gli alimenti giusti

    In pratica non esclude nessun tipo di alimento, ma ci dice come possiamo combinarli per trarne beneficio. Esistono dei cibi consigliati nella dieta Adamski sì, come l’olio extravergine di oliva, il burro, che hanno la capacità di depurare l’organismo, così come la frutta fresca di stagione in quanto ricca di fibre. Nel complesso però non c’è una tabella degli alimenti Sì e alimenti No, quanto piuttosto la loro giusta combinazione. Un cibo veloce come il miele per esempio va benissimo abbinato ad uno simile come lo yogurt. Non va bene invece il mix cibo lento-cibo veloce come la pasta e i pomodori.

    Esempio di menù della dieta Admaski

    Menu A

    Colazione: latte e cornflakes

    Pranzo: pasta alla carbonara

    Spuntino: frutta fresca (prima delle ore 17)

    Cena: formaggio con verdure e pane

    Menu B

    Colazione: pane e burro

    Pranzo: uova con verdure

    Spuntino: granita di mandorle

    Cena: legumi con verdure e pane

    I benefici

    La corretta alimentazione indicata dalla dieta Adamski permette di risolvere i quotidiani disturbi funzionali di cui soffriamo come senso di pesantezza, dolori articolari, insonnia, il gonfiore. E’ indicato anche per chi ha una cattiva circolazione sanguigna che porta al gonfiore di gambe, vene varicose e cellulite. In questo modo, oltre a stare meglio, indurrà alla naturale perdita di peso.

    Le controindicazioni

    Essendo una dieta ipocalorica, è sempre consigliabile sentire il parere di un professionista anziché affidarci a metodi fai-da-te. Inoltre è altamente sconsigliata ai soggetti intolleranti a latte e latticini a meno che non si escludano del tutto.