Dieta crudista dimagrante, menù e benefici

La dieta crudista dimagrante prevede di mangiare solo cibi crudi e proprio per questo chi la segue deve stare attento a dei consigli specifici. Scoprite con noi menù e benefici.

da , il

    La dieta crudista dimagrante si basa su un concetto molto semplice, ossia che tutti gli alimenti devono essere consumati crudi. Secondo quanti seguono questo regime alimentare detto crudismo, infatti, gli alimenti crudi sono ricchi di elementi ottimi per il nostro benessere come vitamine e sali minerali. E’ suggerito il consumo in grande quantità di frutta, verdura, legumi freschi, cereali, semi, noci, erbe e funghi e anche alcuni tipi di formaggi. Esclusa la carne, considerato un alimento “morto” e capace di trasmettere poca energia, nonostante alcuni crudisti non disdegnino anche il pesce e la carne cruda. Vediamo insieme qual è il menù e i benefici della dieta crudista dimagrante.

    Dieta del momento

    Ormai da alcuni anni questo programma alimentare conquista sempre più seguaci, allettati dall’opportunità di perdere peso seguendo un regime che permette di mangiare cibi genuini e non lavorati. Il concetto basilare su cui si fonda questa dieta, è di non alterare, attraverso il calore, le caratteristiche nutrizionali degli alimenti.

    Composizione del menù

    La dieta crudista dimagrante si compone dell’80% da frutta e verdura, per il 10% da proteine, per l’8% da cereali e per il 2% da miele o melassa. Ma cosa si mangia in questo programma alimentare? Se vi riesce difficile credere che sia possibile creare un menù giornaliero a base solo di alimenti crudi, vi sbagliate. Non si tratta di una dieta solo verdure. I piatti infatti saranno composti per la maggior parte da frutta fresca e tropicale, frutta secca, verdura di stagione, legumi, semi e alghe.

    Esempio della dieta crudista

    Per la prima colazione si possono infatti consumare tutti i tipi di frutta, come arance, ananas e ciliegie. Anche per pranzo una bella insalata con una macedonia composta da fragole, ciliegie, pesche e mandorle. Per cena invece si possono consumare delle verdure tagliate a julienne con salsa di avocado, germogli di girasole, soia, pomodori e basilico.

    Apporto vitaminico e cottura

    Si tratta di una dieta che tiene conto dell’alto potere vitaminico degli alimenti crudi, nel maggiore apporto di acqua di questi cibi che sono anche in grado di saziare più in fretta. La cottura dei cibi infatti riduce la presenza delle vitamine A, B e C, e di sali minerali come calcio, fosforo, magnesio, ferro e potassio.

    Variare la dieta

    Tuttavia, per evitare scompensi nutrizionali, quando si mangiano cibi crudi bisogna fare attenzione a variare la dieta, mangiando ogni tanto anche qualche alimento cotto, come delle zucchine al vapore che rendono più facile l’assimilazione di alcuni principi nutritivi.

    Evitare il rischio di abbuffate

    Gli alimenti crudi donano un maggiore senso di sazietà che, però, quando finisce, ci porta ad avere molta fame con il rischio di abbuffate fuori controllo. E’ un rischio da evitare assolutamente se ci tenete alla linea. Dunque mangiate spesso e con moderazione.

    Dolcetto o scherzetto?