Dieta crudista estiva per perdere peso

da , il

    dieta crudista

    La dieta crudista estiva è perfetta per perdere peso, per stare in forma ma anche per idratarsi grazie all’ampio consumo di frutta e verdura non cotte. I crudisti sono spesso confusi con i vegetariani; in realtà i due regimi sono ben diversi perchè i crudisti mangiano solo prodotti crudi dato che ritengono che molte qualità nutrizionali si perdano la cottura. Si tratta dunque di una dieta perfetta per il periodo estivo, in cui il caldo può anche essere combattuto con l’alimentazione.

    Le regole della dieta crudista

    I crudisti comunque sono vegetariani (e quindi non mangiano carne) ma consumano solo crudi e semicrudi con il vantaggio di avere un consistente apporto di vitamine e minerali. La dieta del crudista si basa prevalentemente sulla frutta, verdura, noci e semi ed è costituita dall’80% da frutta, 10-20% da verdure ed un 5% di noci e semi. Bisogna ammettere che il calore, e quindi la cottura dei cibi, ne modifica la struttura molecolare e rende spesso i nutrienti meno utilizzabili. I cibi cotti sono meno digeribili di quelli crudi e creano nel nostro intestino molte più scorie difficili da eliminare. Esiste poi la Raw Meat Diet, conosciuta anche come Raw Paleolithic Diet, una versione crudista della paleodieta in cui si possono consumare anche molti alimenti crudi di origine animale, come carne, frattaglie, frutti di mare e uova.

    La dieta crudista per dimagrire

    Questo regime alimentare è anche molto utile per dimagrire: la dieta crudista permette infatti di ripulire i villi intestinali, che spesso quando sono occlusi continuano ad inviarci segnali e stimoli di fame, aiutando l’organismo ad assorbire le sostanze nutritive. In questo modo l’organismo richiede meno cibo ed è più facile tenere sotto controllo il peso. Ci si chiede spesso le motivazioni che portano una persona a diventare crudista. In realtà lo stimolo primario è desiderio di rimanere in salute. E’ infatti la dieta uno dei nostri alleati più potenti contro patologie e malattie; molto spesso modificando una dieta non equilibrata si notano miglioramenti e risultati eccezionali. Ecco di seguito un esempio di alimentazione crudista.

    Colazione: ciliegie e pere

    Pranzo: fragole, ciliegie, pesche e qualche mandorla

    Cena: carote alla julienne con salsa di avocado, germogli di grano e germogli di girasole, insalata di verza e cipollotti con 3-4 noci, pomodori e basilico

    Senza arrivare a modificare totalmente il proprio regime alimentare consigliamo di consumare il più possibile frutta e verdura crudi, integrandoli nella propria dieta. Un frutto il mattino, insalata a pranzo e pinzimonio o macedonia la sera contribuiranno a migliorare le funzionalità del nostro intestino.