Dieta Dukan, il suo inventore propone di premiare gli studenti più magri: è polemica in Francia

da , il

    pierre dukan dieta studenti francia

    Un voto più alto agli studenti più magri in Francia? Non è follia, ma la proposta dell’inventore della dieta Dukan, che ovviamente sta suscitando fortissime polemiche! Pierre Dukan infatti, per combattere l’obesità infantile e degli adolescenti, ha lanciato la sua proposta: voti più bassi per i ragazzini in carne e voti più alti per coloro che riescono invece a mantenere la linea. Il Ministero dell’Educazione francese lo ha però accusato di “discriminazione fisica” ed ha voluto tranquillizzare tutti sul fatto che le performance scolastiche dei ragazzi, in nessun modo, possono essere collegate al loro aspetto fisico.

    Ed effettivamente Pierre Dukan, dopo il successo della sua dieta seguita da moltissime vip, deve avere un po’ perso il senno. Siamo tutti d’accordo che una buona educazione alimentare anche a scuola non guasterebbe, ma fare delle dichiarazioni così forti può far rischiare malesseri molto seri ai ragazzini che non hanno un fisico “perfetto”.

    Dukan nel libro ”Lettera aperta al futuro presidente della Repubblica”, uscito in questi giorni in Francia, ha proposto di introdurre all’esame di Stato, l’opzione ”peso forma”. Di cosa si tratta? Semplicemente di dare punti in più agli studenti che rispettano il proprio peso forma.

    Gli studenti che dimostreranno di avere un indice di massa corporea compreso tra 18 e 25 avranno un voto più alto all’esame. Dukan prevede anche di premiare i ragazzi che, anche se non hanno ottenuto il peso richiesto, avranno fatto degli sforzi per dimagrire.

    Jean-Michel Cohen, nutrizionista francese e autore di ”Saper mangiare” ha però sottolineato: ”E’ la proposta folle di chi si crede il padrone del mondo e dimentica quanto e’ stato già fatto in materia”, ha dichiarato a Le Figaro.

    “È inconcepibile – risponde invece Dukan – che non esista a scuola un’opzione di dietologia che insegni al giovane a mangiar sano e a gestire il suo peso”.