Dieta e proteine: come non sbagliare le dosi

Dieta e proteine: come non sbagliare le dosi
da in Alimentazione Equilibrata, Consigli Pratici, Proteine
Ultimo aggiornamento:

    Carne magra di maiale

    Dieta e proteine: come non sbagliare le dosi? Quando ci accorgiamo di non poter più rimandare l’appuntamento con la bilancia e abbiamo bisogno di perdere peso, spesso improvvisiamo i nuovi regimi alimentari. Un eccessivo consumo di proteine, o, al contrario, uno scarso, può comportare scompensi alimentari importanti. Nel nostro organismo, c’è un continuo rinnovamento delle strutture proteiche, attraverso processi di catabolismo e anabolismo. Il corpo umano, quindi, le sintetizza continuamente ma necessita di un rifornimento corretto di tali sostanze. Se la dieta senza proteine è sbagliata, vediamo insieme come organizzarla per restare in forma.

    Il fabbisogno proteico è la quantità di sostanze nutritive che il corpo ha bisogno di introdurre dall’esterno per mantenere l’organismo in equilibrio. Quando si parla di questi macro elementi e dei cibi ricchi di proteine, è importante prendere in considerazione anche la loro qualità. Le persone che seguono la dieta vegana, ad esempio, necessitano di un fabbisogno proteico maggiore rispetto a coloro che sono onnivori perché le sostanze di origine vegetale presentano una “qualità inferiore”. Dieta e proteine funzionano? Sì, ma non bisogna sbagliare le dosi! Abbondare nell’assunzione di queste sostanze per perdere peso, è uno dei miti da sfatare sulle diete!

    Alimentazione e proteine, qual è il rapporto? I quantitativi di assunzione proteica di riferimento per la popolazione, sono indicati dall’EFSA, ossia l’Autorità Europea per la Sicurezza Alimentare. I dati sono stati ricavati dalle ricerche condotte da esperti scientifici. Alla conclusione degli studi si è pervenuti alla formulazione di un PRI ossia il quantitativo di un singolo nutriente necessario per mantenersi in buona salute.

    Il valore è riferito alla maggioranza di individui di una popolazione, divisi per sesso ed età. Dagli studi è emerso che per adulti e anziani, il valore di proteine necessario è di 0,83 g per kg di peso corporeo al giorno. L’EFSA stabilisce che per lattanti, bambini e adolescenti, il valore deve essere compreso fra 0,83 g e 1,31 g per kg di peso corporeo al dì, a seconda della fascia di età. Il quantitativo sale per le donne in gravidanza: si parla di un’assunzione supplementare di 1 g, 9 g e 28 g quotidianamente, rispettivamente, per il primo, secondo e terzo trimestre. Nelle donne in allattamento il fabbisogno proteico prevede un’assunzione supplementare di 19 g al giorno nei primi 6 mesi e di 13 g al g al dì nel periodo successivo.

    481

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Alimentazione EquilibrataConsigli PraticiProteine
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI