Dieta ipolipidica: schema e consigli

da , il

    dieta ipolipidica

    La dieta ipolipidica è pensata per abbassare i livelli di colesterolo: lo schema di questo tipo di alimentazione è molto semplice da seguire e i cibi sono molto vari. Ovviamente sarà necessario eliminare dalla propria dieta tutti gli alimenti ricchi di lipidi, troppo conditi o elaborati a favore di frutta, verdura, carni magre e formaggi non grassi. Vediamo insieme i nostri consigli per seguire una dieta ipolipidica, perfetta per chi vuole perdere peso ma anche per chi desidera migliorare i livelli di colesterolo nel sangue.

    Dieta ipolipidica per dire addio al colesterolo

    ricette pesce light poche calorie dieta ipolipidica

    Il concetto base della dieta ipolipidica sottolinea come i grassi saturi vadano drasticamente tagliati: addio quindi a carni rosse, cibi troppo conditi, latticini grassi e ad alcuni tipi di pesce. I grassi saturi infatti sono i principali colpevoli dell’aumento del colesterolo cattivo che porta anche ad un ispessimento delle arterie. Via libera dunque ad alimenti come frutta e verdura, spezie per condire. Un toccasana è anche la frutta secca, purchè consumata in modo equilibrato: andranno diminuiti drasticamente anche gli zuccheri raffinati e il pane bianco, da sostituire con quello integrale. Consigliato anche il pesce fresco, soprattutto quello azzurro che è ricco di omega-3 e omega-6.

    Il menù della dieta ipolipidica

    ricette light dieta ipolipidica

    Colazione

    Una tazza di latte parzialmente scremato (g 250) oppure latte magro (scremato) g 350 oppure due vasetti di yogurt magro (g 250), bianco o alla frutta. Mele (g 250) oppure succo d’arancia o pompelmo (g 300), 1 caffè, 5 fette biscottate integrali o pane integrale g 60 o crackers, fette biscottate normali, fiocchi di cereali, biscotti secchi g 30 oppure 40 grammi di pane.

    Pranzo

    100 grammi di pastasciutta oppure 100 grammi di riso o 150 grammi di pane integrale o 370 gr di patate. Per quanto riguarda la pasta e il riso, possono essere accompagnati con del pomodoro, brodo vegetale, minestra di verdure, 140 grammi di legumi freschi o 40 grammi di legumi secchi.

    Secondi piatti

    100 grammi di petto di pollo oppure 80 grammi di tacchino o 80 grammi di pollo. In alternativa del bovino (80 grammi) oppure coniglio (90 grammi) o agnello magro (90 grammi); cavallo (100 grammi) o vitello (120 grammi) oppure prosciutto crudo senza grasso (40 grammi) o un uovo.

    Almeno 3 volte a settimana consigliamo di mangiare del pesce, come 150 g di merluzzo o nasello o tinca o dentice o san Pietro o palombo o razza; in alternativa 150 g di calamari o totani, seppie, gamberi, vongole, scampi, cozze o polpo. Potrete consumare anche del pesce a scelta tra sogliola, spigola, luccio, trota, palamita, pesce spada , pesce persico, cernia, sarda, aguglia, acciuga o triglia (130 grammi). In alternativa 70 g di sgombro o salmone al naturale; oppure 50 g di tonno fresco o tonno sott’olio. Sempre almeno tre volte a settimana potrete consumare del formaggio come 40 grammi di fior di latte o certosino; oppure 50 grammi di mozzarella o scamorza; in alternativa 80 g di ricotta fresca di vacca.

    Contorni

    Potrete consumare della verdura a scelta tra zucchine, carciofi, pomodori, fagiolini, rape, cetriolo, zucca, finocchi o melanzane (200 grammi); oppure carote, spinaci, cavolfiore, peperoni, asparagi, broccoletti di rapa, sedano, barbabietole, cavolo rosso, crauti o funghi prataioli freschi (90 grammi); oppure 100 grammi di lattuga o insalata in genere.

    Come frutta via libera a mele o pompelmo, pere, arance, mandarini, mandaranci, ananas, susine, ciliegie o kiwi (200 grammi); oppure 110 grammi di banane. Inoltre potrete aggiungere 30 grammi di pane integrale oppure 20 grammi di panini o di grissini comuni.

    Cena

    Per il menu della cena dovrete combinare a scelta un secondo piatto + verdura + frutta + pane.

    Per condire e cucinare utilizzate 2 cucchiai di olio extra-vergine di oliva e 2 cucchiai e mezzo di olio di mais o soia o girasole per condire a crudo. Da evitare il consumo di bevande alcoliche e di burro, strutto, lardo, margarine dure, maionese e di sale da cucina.