Dieta Kousmine, il metodo che alza anche le difese immunitarie: schema, menù e programma

Il metodo alimentare messo a punto dalla dottoressa e ricercatrice Catherine Kousmine mira a ritrovare la forma, ma soprattutto a depurare l’organismo aumentando le difese immunitarie. Convinta che una sana alimentazione a base di proteine, cereali e verdure potesse difendere l’organismo dalle malattie come il cancro, la dieta aiuta a vivere meglio.

da , il

    Dieta Kousmine, il metodo che alza anche le difese immunitarie: schema, menù e programma

    E’ riduttivo far rientrare il metodo Kousmine nelle diete dimagranti: è sì un sistema alimentare che vuol far ritrovare la forma, ma al tempo stesso che aumenta le difese immunitarie dell’organismo. E’ con questo obiettivo che la ricercatrice e dottoressa sovietica Catherine Kousmine ha ideato un programma che favorisce il mantenimento della forma fisica e protegge e rafforza le difese immunitarie.

    Anzi, a dir tutta la verità, il metodo Kousmine era proprio nato con il primo obiettivo di contrastare patologie quali la sclerosi multipla, la colite ulcerosa, il morbo di Crohn e l’artrite reumatoide, in seguito apprezzato sia per prevenire malattie autoimmuni che come sistema per dimagrire.

    Secondo gli esperti di alimentazione si tratta di un metodo sano da mettere in pratica, perché aiuta a vivere meglio. Riducendo al massimo, possiamo dire che la dieta giornaliera Kousmine prevede la consumazione di :

  • Cereali
  • Verdure cotte
  • Verdure crude
  • Proteine.
  • Prima però di iniziare con la dieta, la dottoressa Kousmine consiglia un digiuno di sei giorni. Il motivo è semplice: bisogna prima ripulire l’organismo e rinnovare la flora batterica dell’intestino. Va chiarito che il digiuno del metodo Kousmine non è totale, ma prevede:

  • un bicchiere da bibita (200 cc) di succo di frutta fresco a colazione;
  • succo di verdure a mezzogiorno;
  • succo di frutta o succo di verdure alla sera;
  • acqua in quantità leggermente più abbondante del normale (circa 2 litri).
  • Durante il digiuno è bene sospendere l’attività fisica e comunque con un ritmo giornaliero non troppo stressante. Dopo sarà possibile iniziare la dieta.

    Dieta Kousmine: esempio di menù settimanale

    Un esempio di menù settimanale della dieta Kousmine prevede quotidianamente una colazione molto ricca. Andrà benissimo, ad esempio, una crema budwig, ricca di vitamine e zuccheri semplici della frutta, auxine e carboidrati dei cereali integrali crudi, da accompagnare con un tè o un infuso e della frutta fresca da alternare di giorno in giorno, anche in base alla stagione.

    Per pranzo: scegliete verdure o frutta crude, cereali integrali biologici (cotti in minestra o bolliti e conditi con olio crudo e aromi). Potete alternare del riso basmati con filetto di pesce e verdure a vapore a un’insalata mista o a dei carciofi a fettine con limone e prezzemolo o farro con spinaci. Le proteine animali vanno assunte con moderazione.

    Per merenda: frutta secca o fresca da accompagnare con yogurt magro e una fetta di pane.

    La cena, invece, dev’essere il pasto più leggero e va consumato almeno tre ore prima di andare a letto. Potete scegliere fra verdure crude;minestra di cereali, magari tritati a freddo in zuppe con legumi; couscous di kamut; crema di fave, zucca o lenticchie; del tofu saltato in padella con radicchio. Per dessert: yogurt e pera cotta o mele cotte con granella di nocciole.

    Dieta Kousmine: le ricette

    Ecco alcune ricette utili da inserire nella dieta Kousmine:

    La Crema Budwig

    Ingredienti: un cucchiaio di semi oleosi (noci o nocciole o mandorle ), un cucchiaino di miele, un frutto di stagione, mezzo limone, succo o intero, una manciata di cereali crudi macinati, 200 gr yogurt o tofu o ricotta magra (proteine di qualità). Può essere variata in modo piacevole alternando i diversi ingredienti. Il tutto va frullato fino a ottenere una morbida crema. La frutta può essere aggiunta alla fine, a fette sopra la crema.

    Farinata dolce di farro, nocciole e uvetta

    Ingredienti: 125 gr di farina integrale di farro bio,1 Cucchiaio e mezzo di miele, 330 cl di acqua, 2 Cucchiai di uvetta, 50 gr di nocciole, 2 Cucchiaio di olio Extra Vergine d’oliva, un pizzico di sale. Stemperare acqua, farina, sale, olio e miele e lasciare riposare almeno un’ora. Ungere una teglia larga con pochissimo olio d’oliva, versare il composto e cospargerne la superficie con l’uvetta e le nocciole tritate. Cuocere in forno a 230° per 10 minuti, poi abbassare a 200 per altri 10 o finché la superficie è ben colorata. Servire calda.

    I Germogli

    Andrebbero mangiati crudi, mescolati alle insalate; è bene mescolare germogli insipidi (soia verde, ecc.) con germogli saporiti (senape, crescione, ravanello, ecc.). Possono anche essere passati pochi minuti (2 o 3) al vapore, soprattutto i germogli di legumi. Condire con un cucchiaio di olio extravergine di oliva.

    Le opinioni sul metodo Kousmine

    Per la dottoressa Kousmine tra le principali cause delle malattie ci sono gli errori alimentari e la progressiva assunzione di sostanze tossiche e inquinanti presenti nell’ambiente; per di più un consumo insufficiente di verdura e frutta fresca, di contro a un abuso di carne e grassi animali. Ha sviluppato la sua dieta tenendo conto questi fattori.

    Un grande sostenitore del metodo Kousmine è senz’altro don Sergio Chiesa che dal 1997 diffonde i principi della dieta, ha fondato l’Associazione Cibo è Salute e ha scritto il libro “La dieta del metodo Kousmine”. Per tutti i sostenitori, il merito della dottoressa Kousmine è stato di privilegiare l’aspetto preventivo e il rispetto della totalità della realtà umana, ponendo particolare attenzione sulla relazione tra alimentazione e salute.

    Al momento tuttavia non esistono studi indipendenti che documentino un qualsiasi effetto di questa dieta su una patologia, mentre è riconosciuta la validità del regime alimentare in fatto di benessere per l’organismo.

    I benefici della dieta Kousmine

    Il più grande beneficio che offre la dieta Kousmine è senza dubbio il fatto di essere completa a livello nutrizionale. Nella combinazione giornaliera di ingredienti troviamo tutto quello di cui il nostro organismo ha bisogno per funzionare al meglio: omega 3 e 6 (nei semi oleosi e nell’olio di lino), proteine (ricotta, yogurt o tofu), sali minerali e fibre (banana e altra frutta), carboidrati a lento rilascio (cereali integrali) e vitamine (succo di limone e frutta). Che un’alimentazione corretta e variegata dia un beneficio totale all’organismo è accertato e questo regime alimentare aiuta il sistema immunitario. Tra gli altri aspetti positivi, è in grado di ridurre i radicali liberi e regolare l’acidità del corpo umano in maniera del tutto naturale.