Dieta Miami di 3 giorni, funziona? Schema e menù

La dieta Miami è la più popolare negli Stati Uniti perché amata e seguita dalle star. E’ una dieta lampo di tre giorni in cui si perdono tre chili: un programma alimentare che propone pochi carboidrati e tante proteine. Ottima per dimagrire e perdere peso in poco tempo, ma va seguita alla lettera. Piccole varianti alla dieta creata dal dottor Arthur Agatston sono la Birmingham e la Hollywood.

da , il

    Dieta Miami di 3 giorni, funziona? Schema e menù

    Tornare in forma in soli tre giorni? Con la dieta Miami è possibile: in questo breve lasso di tempo si può perdere infatti fino a 3kg. Chiamata da molti la dieta del miracolo, è un regime alimentare ipocalorico che negli Stati Uniti d’America ha raggiunto una certa popolarità tra le star di Hollywood. Vediamo come funziona la dieta ideata dal dottor Arthur Agatston con l’obiettivo di disintossicare il sistema digestivo e riattivare il metabolismo, riportando schema e menù.

    Prima però c’è da dire che questo regime va seguito per il tempo indicato e non di più perché potrebbe essere dannoso a lungo andare e inoltre va attuato alla lettera senza fare sostituzioni e senza invertire i pasti.

    Il programma alimentare propone pochi carboidrati, meglio se consumati durante la colazione o il pranzo, e tante proteine, come quasi ogni dieta dimagrante. Per questo è necessario eliminare cibi grassi, fritture, bevande alcoliche, zuccheri aggiunti e troppo sale.

    Sono anche vietati olio, burro ed altri grassi tranne il burro di arachidi da mangiare la mattina. Ricordate di non utilizzare lo zucchero, ma al suo posto un dolcificante non calorico. Un’ottima alternativa di condimento è il limone o anche erbe aromatiche, che danno sapore ed evitano di apportare calorie.

    Menù della Dieta Miami

    Ecco il programma della dieta Miami.

    Primo Giorno:

    Colazione: mezzo pompelmo più una fetta di pane tostato con burro di arachidi (o un cucchiaino di miele) più caffè o tè (è ammesso il dolcificante).

    Pranzo: 100 grammi di tonno al naturale, una fetta di pane tostato più un caffè.

    Cena: 200 grammi di carne bianca ai ferri, 100 grammi di fagiolini e 100 grammi di barbabietole, una mela e 100 grammi di gelato alla vaniglia.

    Secondo Giorno:

    Colazione: un uovo sodo; mezza banana; una fetta di pane tostato; caffè.

    Pranzo: 210 g di fiocchi di latte; 5 crackers integrali, un caffè.

    Cena: 2 wurstel, 240 g di broccoli lessi, 120 g di carote lesse, mezza banana, 100 g di gelato alla vaniglia.

    Terzo Giorno:

    Colazione: 5 crackers; 30 g di gruviera; una mela, un caffè

    Pranzo: un uovo sodo; una fetta di pane tostato

    Cena: 120 g di tonno al naturale; 240 g di barbabietole rosse; 120 g di cavolfiori lessi; mezzo melone oppure 2 kiwi, 100 g di gelato alla vaniglia.

    Per un buon mantenimento della Dieta Miami è necessario bere almeno due litri di acqua al giorno e fare attività fisica: basta anche una semplice camminata veloce di 40 minuti al giorno o una passeggiata in bicicletta all’aria aperta.

    Dieta Miami: funziona?

    La dieta più famosa ad Hollywood è quindi una delle cosiddette diete lampo, uno di quei regimi alimentari che ci consente di perdere peso in poco tempo, che spesso seguiamo quando vogliamo indossare un abito che ci stringe un po’ o quando dobbiamo affrontare la temuta prova costume. Le testimonianze sulla Dieta Miami sono concordanti: se seguita alla lettera, funziona. In media dovremmo perdere un chilo al giorno. L’importante è comunque, ma questo è buon senso, non ricominciare ad abbuffarsi dal quarto giorno!.

    Controindicazioni alla dieta Miami

    La dieta Miami non è raccomandata per chi si trova in forte sovrappeso, chi soffre di qualche patologia specifica e chi deve assumere farmaci quotidianamente: in tutti questi casi il parere del medico si rivela fondamentale per evitare rischi, fermo restando la necessità di rivolgersi a un professionista evitando diete fai da te.

    Le varianti alla dieta Miami

    Ci sono alcune varianti alla dieta lampo appena esposta: la prima è la dieta Hollywood che dura 10 giorni. Molto simile alla Miami, prevede il consumo di frutta esotica a colazione e a pranzo ( mango, pompelmo, litchi) e pesce o carne per cena. Proprio per questo rientra nella dieta disintossicante che mira a ripulire l’organismo.

    La seconda variante è la dieta Birmingham che dura in totale 7 giorni, i primi tre perfettamente uguali alla Miami. Gli ultimi 4 giorni sono di mantenimento in cui vengono introdotti nuovi alimenti a consumo moderato. Entrambe promettono di dimagrire in breve tempo ma sono associate all’attività fisica durante e dopo il regime alimentare.