Dieta per accelerare il metabolismo lento

da , il

    dieta metabolismo

    Sei a dieta e non dimagrisci o impieghi molta fatica a vedere i risultati? Ecco per te la dieta per accelerare il metabolismo e perdere peso. Se la scelta migliore per perdere i chili di troppo è sempre rivolgersi a un dietologo o a un nutrizionista esperto per studiare un piano dietetico specifico, qualche segreto per scoprire come velocizzare il metabolsimo lento non guasta, anzi, a partire dall’alimentazione con la scelta di determinati ingredienti rispetto ad altri fino ad arrivare all’attività fisica con allenamenti ed esercizi mirati. Dare una sferzata al metabolismo è la mossa vincente per bruciare calorie ed eliminare l’eccesso di peso più velocemente. Ecco allora tutto quello che devi sapere sulla dieta per riattivare il metabolismo e perdere peso.

    La colazione per accelerare il metabolismo

    Più che un banale luogo comune, una preziosa verità: la colazione è il pasto più importante della giornata per la dieta perché è un passaggio obbligatorio per riattivare il metabolismo: porta a spingere il piede sull’acceleratore e fornisce un’abbondante riserva di energie per tutto il giorno. Il salto della colazione si tramuta in un messaggio al proprio corpo fortemente sbagliato e pericoloso per la linea: dopo ore di digiuno l’organismo sente la necessità di ingerire cibo, quindi se il rifornimento non arriva, si innesca una sorta meccanismo di auto difesa che rallenta il metabolismo. La colazione perfetta per riattivare il metabolsimo lento: spremuta di pompelmo, latte di riso con cereali integrali, tè verde e una fetta biscottata integrale con un velo di marmellata senza zucchero.

    Bere acqua accelera il metabolismo

    Bere molta acqua, consumandone almeno due litri ogni giorno (cominciando dalla mattina appena svegli), è davvero una delle migliori mosse per riattivare il metabolismo lento. Se è a temperatura ambiente o fredda è meglio. Infatti, a dispetto di quanto si pensi, bere l’acqua fredda non è una pessima abitudine, anzi: l’assunzione di acqua fredda costringe lo stomaco a riscaldarla per portarla alla temperatura del corpo; in questo modo si bruciano delle preziose calorie e, per la precisione, 100 calorie in più per ogni litro di acqua. Per mantenere alto il livello di idratazione, nell’arco della giornata si possono consumare anche altre bevande ipocaloriche e senza zucchero, come tisane, infusi o tè verde.

    I cibi alleati del metabolismo

    Se pensi di avere un metabolismo lento e ti stai chiedendo come velocizzarlo dovrai iniziare prima di tutto a modificare le tue abitudini alimentari. Occorre infatti scegliere una dieta equilibrata, privilegiando determinati alimenti ossia i cibi alleati del metabolismo come per esempio la frutta e verdura a spese dei cibi ipercalorici e carichi di grassi, come le fritture o i dolci. Via libera alle verdure: alcuni ortaggi, come carciofi, bietole, carote e cavoli sono ricchi di composti definiti lipotropi che attivano il metabolismo dei grassi e svolgono un’azione decongestionante sul fegato. Tra gli altri alimenti alleati del metabolismo anche i cereali, come il muesli e lo yogurt magro, ricco di vitamine B e amico benefico della flora intestinale. Chi l’ha detto che bisogna rinunciare ai formaggi? Si tratta solo di scegliere quelli giusti, come la ricotta magra, un alimento particolarmente nutriente e digeribile. Da consigliare come secondo piatto il pesce, nelle varietà meno grasse e cucinato alla griglia o al vapore. Meglio limitare il sale a maggior ragione se si sta cercando si seguire una dieta per il metabolismo lento e si è in menopausa. Il sale è infatti nemico della linea e della salute cardiovascolare, ma anche del metabolismo, trattiene i liquidi e favorisce la ritenzione idrica.

    Dieta metabolica: lo schema settimanale

    Ecco un esempio di schema settimanale della dieta metabolica per poter riattivare il metabolismo lento. Vedrete che non si tratta di un vero e proprio regime alimentare restrittivo e drastico perché ciò che dovrete mettere in pratica saranno delle vere e proprie nuove abitudini alimentari. Ecco allora un menù giornaliero tipo di dieta per accelerare il metabolismo che dovrà essere costituito da tre pasti principali e due spuntini: colazione, spuntino, pranzo, merenda e cena. La colazione ideale per svegliare il metabolismo lento è composta da: tè o caffè non zuccherati; 3 fette biscottate integrali o 4 biscotti secchi tipo gallette; un bicchiere di latte scremato o uno yogurt magro. Come spuntino, alleato del metabolismo: un frutto fresco o una spremuta di arancia non zuccherata. A pranzo: 60 g di pasta integrale al pomodoro con una spruzzata di grana grattugiato; insalata mista di ortaggi crudi; un caffè senza zucchero. Merenda: una tazza di tè o un caffè e un frutto o un centrifugato di verdura. Per cena: antipasto di verdura cruda o frutta fresca intera o in macedonia; minestrone o passato di verdura senza pasta o riso; 200 g di pesce cotto ai ferri o al forno; insalata mista; mezzo panino integrale (30 g).