Dieta per dimagrire al mare: cosa mangiare e cosa evitare

Anche in spiaggia non si deve rinunciare alla linea: anzi, siamo facilitate proprio dal fatto che al mare si dimagrisce. Con piccoli accorgimenti, come i cibi da prediligere sotto l’ombrellone, si può perdere ancora più peso. In più saremo facilitate da tutte quelle attività da fare a riva: dalle passeggiate che riattivano la circolazione, ai racchettoni che tonificano il corpo e bruciano calorie.

da , il

    Dieta per dimagrire al mare: cosa mangiare e cosa evitare

    Non c’è mai un momento inadatto per tenersi in forma, anzi una dieta estiva è quanto di più efficace: anche al mare si può dimagrire, magari scegliendo gli alimenti giusti da mangiare sotto all’ombrellone e continuando a tonificare il nostro corpo senza rinunciare al relax sotto l’ombrellone. Iniziamo con l’alimentazione, vedendo cosa mangiare e cosa evitare in vacanza.

    Innanzitutto, prima di stilare il decalogo a favore della linea, la buona notizia è che il mare fa dimagrire: l’aria è ricca di iodio, elemento importante per il nostro corpo, tra i cui benefici c’è quello di accelerare il metabolismo, favorendo il dimagrimento naturale.

    In più, l’acqua salata contiene il magnesio, sostanza che viene assorbita tramite la pelle con benefici sul tono muscolare, a partire dall’odiata cellulite. A questo proposito sono infatti dei toccasana le passeggiate in riva la mare: un esercizio fisico estremamente utile per il benessere del sistema circolatorio e linfatico; acqua e sabbia garantiscono una azione rigenerante e defaticante e aiutano i muscoli a liberarsi dell’acido lattico. L’azione dell’acqua sulla gambe e quella della sabbia sotto le piante dei piedi facilitano il cosiddetto ritorno venoso, la risalita del sangue, attraverso le vene, verso il cuore migliorando la circolazione e l’ossigenazione del sangue.

    Dieta della spiaggia

    Prima di fornirvi la dieta ideale per la spiaggia, è bene tenere a mente che dobbiamo bere tanta acqua. Il nostro corpo ha ancora più bisogno di idratazione per il caldo e ingerire liquidi aiuta muscoli ed organi interni a lavorare efficacemente arrivando a bruciare calorie più velocemente. Cosa mangiare al mare per dimagrire allora?

    La colazione prima della spiaggia

    colazione spiaggia

    Si inizia con una colazione con fibre, grassi e proteine. Muesli senza zucchero o avena, un succo di pompelmo o di ananas senza zucchero, yogurt greco (intero) o latte intero, caffè. Va bene anche la nutella o il burro di arachidi, purché spalmati su pane esseno o azzimo integrale, o pane integrale tostato e accompagnati da un bicchiere di latte o da yogurt.

    Pranzo: alimenti sì e no

    quinoa

    L’ideale per la spiaggia sarebbe un pasto completo di tante proprietà nutritive che vi aiuta ad aumentare il metabolismo e a rallentare la fame senza appesantire lo stomaco. Le idee per il pranzo da spiaggia sono molte, un esempio? Preparatevi una bella insalata di quinoa alle verdure. Piatto pratico da portare sotto l’ombrellone, è ricco di proteine ad alto valore biologico, come quelle della carne, regola la glicemia e di conseguenza la fame. Va benissimo anche un’insalata di riso, dove mettere tanti ingredienti freschi o lo stesso si può fare con la pasta fredda.

    Alimenti da evitare: No a carne rossa e salumi. Non vi offrono nutrienti ma solo tossine aumentando così i tempi della digestione ed in seguito il calore nel corpo.

    Spuntino sotto l’ombrellone

    frutta verdura

    Fate sempre uno spuntino in spiaggia, sia per spezzare la fame che ri-idratare il corpo. Sì a frutta, verdura cruda, barrette di cereali biologiche. La frutta ideale, come il cocomero, ricca di sali minerali e vitamine, è facile da digerire, così l’organismo risparmia energia e di conseguenza sente meno calore. Se pensate invece a qualcosa di più sostanzioso e salato, potete anche portarvi un tramezzino coi gamberetti.

    Evitate invece patatine, merendine preconfezionate.

    Attività sportive e motorie al mare

    beach volley

    Al mare si dimagrisce quindi, non solo per quanto detto fino adesso, ma anche perché c’è una serie di attività sportive da fare sfruttando sempre il beneficio dell’acqua. Oltre alle passeggiate che riattivano la circolazione, l’apoteosi dell’attività al mare è il nuoto. Una bella nuotata di mezz’oretta 3 volte la settimana funge da vero e proprio training sportivo; allena il fiato e rinvigorisce tono muscolare e articolare. Sviluppa i dorsali, rassoda le braccia e il seno, tonificando i pettorali. Migliora anche la postura, donando grazia ed eleganza alla camminata.

    Il mare favorisce la pratica di numerosi sport direttamente in acqua e non. Una partita a racchettoni, per esempio, oltre ad essere divertente fa consumare almeno 180 kilocalorie in mezz’ora, ancor di più il beach volley che oltre a farci fare amicizie estive, tonifica le gambe e fa bruciare un sacco di calorie: 450 in un’ora!