Dieta post Pasqua: come tornare in forma

da , il

    Quanto vi piacciono le feste di Natale e di Pasqua? Finalmente potete mangiare quello che più vi piace, senza pensare alla dieta e alle calorie. Ma le feste finiscono e come sempre ci ritroviamo a maledire i manicaretti di mamme e nonne. Un pranzo può mandare a monte tutti i nostri sforzi dei mesi precedenti? Forse no, ma se aggiungete le uova di cioccolato, la colomba a colazione e il pranzo di pasquetta…il rischio esiste.E come sempre, dopo questa Pasqua 2010 un italiano su due ha dichiarato di volersi mettere a dieta.

    Sarà che la bella stagione sta arrivando e che tra poco la prova costume sottolineerà impietosa tutti i nostri difetti…

    Ma “tra il dire e il fare…”, tantissimi italiani infatti abbandonano i buoni propostiti in pochissimo tempo: “Questo è il trend già a Pasqua le abbuffate sono meno pesanti che a Natale, perché fa più caldo e ci sono verdure di stagione come piselli, fave e asparagi che ci aiutano a mangiare meno. E le classiche gite fuori porta, con abbacchio, fave e pecorino, certo ci appesantiscono ma non come il cenone di Capodanno“, sottolinea il nutrizionista Carlo Cannella, ordinario di Scienza dell’Alimentazione all’Università La Sapienza di Roma e presidente dell’Inran.

    E continua “Dopo mesi di ‘letargo’ ci guardiamo allo specchio e ci spaventiamo per la pancia. Gli studi di dietologi e nutrizionisti si riempiono, così come le palestre. Tutti divorati dai rimorsi, e nella speranza in pochi mesi di recuperare una forma accettabile. Uno su due inizia la dieta, ma di questi la metà rinuncerà a metà strada: resistono solo i più determinati”, dice l’esperto.

    Come fare allora? Fitness, tanta frutta e verdura, pochi stravizi e alcool…Attenzione anche ai carboidrati: mai eliminare pane e pasta ma mai esagerare!