Dieta Sirt: menù programmi e opinioni

da , il

    Dieta Sirt: menù programmi e opinioni

    Conoscete la dieta Sirt? È tra i regimi alimentari del momento ed è soprannominata la dieta del gene magro perché prevede il consumo di soli alimenti capaci di attivare i geni della magrezza. Scopriamo allora in cosa consiste la dieta Sirt, i menù giornalieri e le opinioni.

    Dieta Sirt cosa è?

    Ideatori di questa dieta sono i nutrizionisti Aidan Goggings e Glen Matten che hanno individuato una lista di cibi ricchi di sostanze nutritive capaci di attivare i geni della magrezza, le cosiddette sirtuine dei veri e propri regolatori metabolici. L’attivazione delle sirtuine comporta gli stessi effetti del digiuno senza gli svantaggi che comporterebbero sul nostro organismo. La dieta Sirt si basa quindi sulla scelta e sul consumo di determinati alimenti che, non solo bruceranno i grassi e attiveranno il metabolismo, ma modereranno anche l’appetito.

    I cibi Sirt

    I cibi Sirt, descritti ampiamente nel libro ufficiale e dedicato alla dieta, sono prevalentemente reperibili facilmente, economici e sani. Alcuni di essi sono: peperoncino, grano saraceno, capperi, sedano, cacao, caffè, olio extra vergine di oliva, tè verde, cavolo riccio, cipolla rossa, rucola, radicchio, vino rosso, soia, curcuma, fragole, noci e molti altri.

    Le fasi della dieta Sirt

    La dieta Sirt, che prevede una perdita di quasi 3 chili in sette giorni, si articola in due fasi. Nei primi tre giorni si dovranno assumere al massimo 1.100 calorie giornaliere suddivise in un solo pasto solido e tre succhi verdi ottenuti con i cibi Sirt (a base di cavolo riccio, rucola, prezzemolo, sedano, mela, limone, tè verde matcha, ingrediente prezioso per la perdita di peso e attivazione di metabolismo). Dal quarto al settimo giorno invece le calorie aumentano a 1500 e i pasti solidi diventano due e due succhi verdi. La seconda fase invece, quella del mantenimento, dura 14 giorni e prevede il consumo di tre pasti solidi al giorno e un succo verde. Si trattano comunque di alimenti molto nutrienti e sazianti quindi gli ideatori promettono che, nonostante le calorie non siano moltissime e si alternino cibi liquidi a quelli solidi, non si soffra la fame.

    Menù dieta Sirt: la ricetta

    Ecco per esempio la ricetta di un pasto Sirt: petto di pollo al forno con pesto di noci e prezzemolo accompagnato da insalata di cipolle rosse. Per una porzione vi occorrerà: 15 grammi di prezzemolo, 15 grammi di noci, 15 grammi di parmigiano, un cucchiaio di olio evo, 1/2 succo di limone, 50 ml di acqua, 150 grammi di petto di pollo senza pelle, 20 grammi di cipolle rosse, 1 cucchiaio di aceto di vino rosso, 35 grammi di rucola, 1 cucchiaino di aceto balsamico e 100 grammi di pomodorini.

    Preparate il pesto frullando il prezzemolo, le noci, il parmigiano, l’olio, metà del succo di unlimone e un po’ d’acqua continuando ad aggiungerla fino a quando non avrete ottenuto un composto omogeneo e vellutato. Lasciate marinare il pollo in un cucchiaio di pesto e nel succo di limone rimanente in frigo per trenta minuti. Dopodiché scaldate il forno a 200 gradi e, nel frattempo, fate cuocere per un minuto il pollo nella sua marinatura in una padella da forno a fuoco medio alto per poi trasferire tutto in forno per 8 minuti e ultimare la cottura. Fate poi marinare le cipolle nell’aceto di vino rosso per una decina di minuti e poi scolate il liquido. Quando il pollo è cotto toglietelo dal forno, versate sopra un cucchiaio di pesto che si scioglierà con il calore della carne e coprite con un foglio di alluminio per 5 minuti prima di servire. Per preparare l’insalata: mischiate rucola, pomodori e cipolla condendo con aceto balsamico. Ultimate il piatto con il pesto rimanente.

    Dieta Sirt: opinioni

    La dieta Sirt, tra le cinque diete più efficaci del momento, è un programma alimentare approvato da medici nutrizionisti in tutto il modo ed è nota per essere la dieta seguita dalla cantante Adele che le ha permesso di perdere 30 chili in un anno.

    Dolcetto o scherzetto?