Dimagrire con il kefir, quando e come consumare questa bevanda

Scopriamo se è possibile dimagrire con il kefir, quando e come consumare questa bevanda. Si tratta di un prodotto ottenuto dalla fermentazione del latte e dei granuli di kefir, ricco di fermenti vivi, lieviti probiotici, vitamina B, minerali, proteine, calcio e molto altro ancora. E' disintossicante, aiuta la digestione, combatte la stitichezza, favorisce l'equilibrio intestinale.

da , il

    Dimagrire con il kefir, quando e come consumare questa bevanda

    Dimagrire con il kefir è possibile? Quando e come consumare questa bevanda? Il kefir è una bevanda ottenuta dalla fermentazione del latte e dai granuli di kefir, ricchi di fermenti vivi e lieviti probiotici. E’ quindi l’ideale per purificare l’organismo, non a caso il suo nome significa in armeno benessere. Il kefir contiene vitamine B, minerali, proteine, lieviti, calcio e moltissime altre sostanze purificanti e utili per ritrovare la forma e perdere peso. Difatti il calcio combinato con magnesio e vitamine B aiuta a combattere la fame nervosa. Scopriamo come funziona la dieta del Kefir per dimagrire mangiando

    Dieta del kefir

    kefir

    Come premesso, il kefir aiuta a combattere la fame nervosa, aiuta la digestione, combatte la stitichezza, favorisce l’equilibrio intestinale a tutto beneficio della dieta dimagrante. Pur sembrando uno yogurt non lo è, si tratta invece di un probiotico disintossicante, che può essere consumato anche da chi è intollerante al lattosio.

    Viene prodotto dalla fermentazione del latte di capra, vacca o pecora.

    Non è vero che il latte di kefir fa gonfiare la pancia, semmai aiuta la digestione e favorisce il lavoro intestinale, riportando l’organismo all’equilibrio.

    Il latte di kefir in commercio è disponibile a buon prezzo ma ha generalmente un sapore acidulo, che può essere corretto aggiungendo del frullato di frutta o dei fiocchi d’avena.

    Quando bere il kefir

    quando fare kefir

    Come si beve il latte di kefir? Lo si può bere già pronto senza aggiunte oppure arricchirlo con fiocchi d’avena, frutta secca o frulatti di frutta fresca. Una volta al giorno è l’ideale se si sta seguendo una dieta.

    Se non lo si compra, è possibile prepararlo in casa grazie ai preparati disponibili in erboristeria o in farmacia, seguendo le istruzioni per quanto riguarda le tempistiche di fermentazione e il luogo di conservazione. E’ importante ricordarsi di non chiudere il tappo ermeticamente perché non permette all’anidride carbonica di uscire.

    In via generale si può consumare il kefir 1-2 volte al giorno. La quantità ideale è di 100-120 gr se è prodotto con latte animale mentre se è fatto con latte vegetale si possono bere anche 2-3 bicchieri al giorno. Si tratta ovviamente di quantità approssimative, l’importante è non eccedere perché è pur sempre un alimento fermentato.