Fare colazione abbassa il colesterolo (cattivo)

da , il

    Lo sappiamo, la colazione è il pasto più importante della giornata. Mia nonna me lo ripeteva tutte le mattine e io, ostinata, ho sempre buttato giù solo un caffè veloce, come la maggior parte degli italiani. Uno studio sostiene che chi consuma una colazione ricca ha un rischio minore di avere malattie cardiovascolari e l’indice del colesterolo LDL più basso.

    Secondo i dati Eurisko il 15% degli italiani beve solo un caffè, mentre il 25% consuma brioche e cappuccino e l’8% la salta completamente. Il 66% non dedica più di 10 minuti al giorno per fare colazione. Avere una buona alimentazione al mattino significa preservare il proprio corpo da rischi futuri.

    Chi si prende un quarto d’ora, 20 minuti al giorno per fare questo benedetto pasto, mangiando frutta fresca, magari delle proteine (uova o affettati), cereali e quanto possa farvi piacere avrà un sostanziale miglioramento dei parametri metabolici. Trigliceridi più bassi (ovvio che se mangiate pancetta fritta difficilmente succedere qualcosa), un migliore controllo dei processi ossidativi e del metabolismo del glucosio e dell’insulina, raccontano da SaniHelp.

    Inoltre, mangiare in modo equilibrato significa avere nel corso della giornata delle perfomance intellettuali migliori. Il corpo ha a disposizione più zuccheri per elaborare un maggior numero di notizie. Mi raccomando ora non esagerate: ingerite solo alimenti in grado di garantire il giusto apporto dei nutrienti di cui l’organismo ha bisogno.