Foodies, tutti i pazzi per la buona cucina

da , il

    Noi, italiani, siamo dei golosi. Lo sappiamo, ma i dati lo confermano. Sono circa 4,5 milioni le persone amanti della buona tavola, numero che cresce al ritmo di 250.000 persone l’anno. Questi buongustai sono stati ribattezzati foodies.

    I “foodies” sono coloro che apprezzano buoni sapori, che si tratti di cibo o di vino. Il loro identikit emerge da una ricerca Negroni/GPF. Il “foodie” è in prevalenza di sesso maschile, ha un’età tra i 25 e 54 anni e vive soprattutto nel Nord Italia. Non sono alla ricerca del lusso a tutti i costi, ma semmai inseguono il giusto equilibrio tra qualità e prezzo.

    Ricordiamoci che questo dato è un vanto, perchè mangiare bene significa preservare la salute.

    Per le cose buone sono disposti a spendere di più rispetto alla media dei connazionali (82,4% contro 54,1%), rinunciando ad inseguire la convenienza e al risparmio a tutti i costi (42% contro il 59,7%). Fanno la spesa al supermercato, ma continuano a frequentare i negozi tradizionali di salumeria e gastronomia (29,7% contro 15,1%) e anche i mercati rionali (21,8% contro 16,6%).

    Mangiare non solo ingerire cibo, ma dividerlo con amici e conoscenti. Il 43,4% di loro lo fa da 2 a 4 volte al mese. Sono naturalmente appassionati di turismo enogastronomico, le manifestazioni internazionali, slow food e sono alla ricerca di nuovi luoghi e nuovi sapori (86,2% contro il 60,5% degli italiani).

    Foto tratte da

    stonehillinn.com otherpeoplesfood.blogspot.com yumsugar.com