Grasso localizzato, quello addominale aumenta il rischio osteoporosi

da , il

    donna grassa osteoporosi

    Le donne con grasso addominale, quelle che per definizione chiamiamo a mela (in contrapposizione a quelle a pera, ovvero con i fianchi larghi), sono a rischio osteoporosi più delle altre. Questo è quanto emerge da uno studio presentato dei ricercatori dell’Harvard Medical School di Boston. Il motivo? Il grasso è uno dei fattori che più incide sulla perdita di densità ossea. Vediamo meglio come l’obesità o i chili di troppo possono mettere a rischio la salute del nostro scheletro, argomento che dovrebbe interessare soprattutto le signore in menopausa.

    I ricercatori hanno tentato di valutare il grasso addominale sottocutaneo, viscerale e totale e la densità delle ossa in 50 donne obese in premenopausa: è emerso che le donne con più grasso viscerale avevano una ridotta densità minerale ossea.

    Oltre a questo problema, c’è di più e stavolta riguarda le signore a pesa, con il grasso sui fianchi. In questo caso il rischio è quello di eventuali deficit cognitivi durante la terza età. A sostenerlo è uno studio pubblicato dalla rivista Journal of the American Geriatrics Society.

    Al termine della ricerca è stato scoperto che ogni punto in più nel Bmi corrisponde a un punto in meno nei test, e le donne che avevano più fianchi avevano risultati molto peggiori di quelle con più grassi intorno alla pancia. Il motivo è da correlare ai diversi tipi di grasso che corrispondono ai diversi ormoni rilasciati nell’organismo, che influiscono sulle varie funzioni cerebrali.