Intolleranze alimentari, la celiachia

Intolleranze alimentari, la celiachia
da in Allergie, Celiachia, Disturbi Alimentazione, Intolleranze
Ultimo aggiornamento:

    La celiachia è in aumento. Si tratta di un’intolleranza permanente al glutine, una sostanza contenuta nel frumento, nell’orzo, nell’avena e nella segale. Questo significa che mangiando pasta, pane, pizza, alcuni dolci, gnocchi, besciamella (e moltissimo altro) si sta male perché gli alimenti non vengono digeriti.

    I malati di celiachia sono 400mila in Italia e a solo al 10% è stata diagnosticata. Purtroppo non è facile capire questa intolleranza, perché si manifesta senza reali sintomi ( mancanza di appetito, diarrea e vomito, potrebbero indicare moltissime cose differente). La soluzione migliore è fare un test per l’intolleranza al glutine (gli Ema e gli Aga).

    La celiachia porta con sé molti problemi. E’ difficile poter avere bambini, può causare osteoporosi, calcoli renali, epilessia, problemi tiroidei, anemia. In caso di bimbi, state però tranquilli.

    C’è possibilità di trasmissione diretta ma è solo del 20%. Non è mai stata confermata una vera e propria ereditarietà.

    Per tenerla sotto controllo bisogna seguire una dieta senza glutine. Non è semplice, nelle nostre case quasi tutto ciò che mangiamo lo contiene (pensiamo ai fritti: sono passati nella farina prima di essere immersi nell’olio). Sono molto diffusi i prodotti adatti ai celiaci, in modo da poter continuare a consumare un po’ di tutto, anche la pizza. Si possono acquistare in farmacia, in alcune sono ritirabili gratuitamente.

    256

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN AllergieCeliachiaDisturbi AlimentazioneIntolleranze
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI