L’obesità infantile non dipende dal junk food che i bambini mangiano a scuola

da , il

    junk food bambini obesita

    Un recente studio dimostra come l’obesità infantile non dipenda dal junk food che i bambini mangiano a scuola ma da molto altro. Assolti quindi i distributori automatici di merendine e bevande gassate a scuola che non farebbero ingrassare i bambini: lo dimostra uno studio americano, coordinato da Jennifer Van Hook, docente di sociologia e demografia alla Pennsylvenia State University. La colpa del fenomeno dell’obesità infantile quindi, non sarebbe da imputare alle macchinette di dolciumi, ma soprattutto ai genitori e all’educazione alimentare che danno ai figli.

    “Siamo stati veramente stupiti dai risultati ottenuti, tanto che abbiamo aspettato 2 anni a diffonderli”, dice Van Hook. “Cercavamo un legame che, semplicemente, non c’era”, dicono gli autori dello studio che è anche stato pubblicato su ‘Sociology of Education’ ed è stato condotto su un campione di oltre 19 mila alunni seguiti a 10-11 anni e a 13-14, nei periodi 2003-2004 e 2006-2007.

    “La scuola – provano a spiegare – rappresenta solo una piccola parte dell”ambiente alimentare‘ dei ragazzi. I giovani, infatti, possono procacciarsi il cibo a casa, dai vicini, nel tragitto da scuola a casa”.

    “Oggi a scuola gli studenti sono impegnatissimi, per lo più riescono a mangiare solo in determinati orari, quindi non hanno troppe opportunità di nutrirsi. O comunque non potrebbero alimentarsi all’infinito, rispetto a quanto invece possono fare a casa”. Ecco che quindi tornano prepotentemente in primo piano i genitori che sono i veri responsabili dell’obesità dei loro figli. Anche una mamma famosa come Michelle Obama da tempo combatte contro il consumo di junk food da parte dei bambini.

    “Gli studi – conclude Van Hook – hanno dimostrato che molti bimbi sviluppano i propri comportamenti alimentari e il gusto per alcuni cibi, piuttosto che per altri, già in età prescolare. E le abitudini imparate da piccoli si consolidano crescendo”. Il vero problema è infatti che junk food piace moltissimo ai bambini e contribuisce al diffondersi dell’obesità, anche in tenera età.