La dieta a km zero

da , il

    dieta donna chilometro zero

    La dieta a chilometro zero è un nuovo modo per mantenersi in forma, perdere peso e rispettare l’ambiente. Sui giornali impazzano le diete più disparate: da quella di Kate Middleton a quella del sondino. Sembra quasi che dimagrire sia lo sport nazionale, peccato che gli obesi sono in continuo aumento e che tornare in forma non può essere una pratica veloce e indolore. Non dico che occorra soffrire, ma per fare le cose per bene ci vuole tempo e un po’ di sacrificio. La dieta a chilometro zero significa mangiare i prodotti locali di stagione, in questo modo è possibile abbattere gli sprechi alimentari e guadagnarci in salute.

    Giovanna Cecchetto, presidente dell’Andid (Associazione nazionale dietisti), ha specificato: “La strategia: scegliere tecniche di cottura leggera, mangiare meno, distinguere alimenti sani e sicuri, riuscire a gestire, magari con l’aiuto del dietista quantità e frequenza dei cibi che piacciono ma sono un concentrato di calorie, praticare attività fisica in modo costante”. Tra le mode del momento, c’è anche il personal nutritional trainer: potrebbe essere lui a seguire la dieta.