La dieta del super metabolismo

Dieta del super metabolismo

Tutta questione di metabolismo: quante volte avete sentito questa frase parlando di dieta e di forma fisica? Tantissime e, forse, pure troppe. Ma ora arriva la dieta che riesce a far “girare” il metabolismo davvero a proprio vantaggio, è la dieta del super metabolismo, che arriva da oltreoceano e promette di scrollarsi di dosso, senza troppa fatica o troppe rinunce, bel 10 chili in quattro settimane. Ecco di cosa si tratta.

Cos’è

Approdata da poco in Italia, la dieta del super metabolismo è stata ideata da una nutrizionista a stelle e strisce, Hailey Pomroy, che ha convinto, ma soprattutto fatto dimagrire, star Hollywoodiane del calibro di Cher, Reese Whiterspoon e Jennifer Lopez. Secondo questo regime dietetico, che punta tutto sul riattivare il metabolismo a dovere, non bisogna stare a stecchetto per perdere peso, anzi.

Cinque pasti al giorno, con il motto “mangi di più, perdi più chili”, suddivisi in due pasti principali, cioè pranzo e cena, e tre spuntini. Il segreto del successo di questa dieta che non bada troppo a calorie e quantità degli alimenti? Sfruttare il potere bruciagrassi di alcuni cibi così come la loro capacità di riattivare il metabolismo. E, come se non bastasse, a colpi di cibi ad hoc, si punta a spiazzare il metabolismo, per dargli la spinta che gli manca.

Il programma per perdere il peso di troppo dura un mese e, per l’esattezza, 28 giorni. Quattro settimane, ciascuna delle quali è suddivisa in tre fasi differenti, che vanno dalla prima che ha l’obiettivo di calmare gli ormoni dello stress, alla seconda, durante la quale si sblocca il grasso accumulato, fino alla terza, quando si liberano gli ormoni che bruciano il grasso.

SCOPRI TUTTI I TRUCCHI PER ACCELERARE IL METABOLISMO

Alcune regole

Non è proprio una passeggiata, fatta di abbuffate e dimagrimenti miracolosi. Per raggiungere gli obiettivi, in termine di perdita di peso, anche questa dieta impone le sue regole ferree.

Ci sono alcuni alimenti da evitare, come la caffeina e la teina, i latticini, lo zucchero, la farina di grano e derivati, il mais, la soia e derivati. Fondamentale non saltare nemmeno un pasto, né quelli principali né gli spuntini. La colazione dovrebbe essere fatta entro mezz’ora dal risveglio, evitando di lasciare per troppo tempo l’organismo senza ingerire cibo.

Tre fasi

28 giorni, 4 settimane e 3 fasi per ogni settimana. La prima fase, che copre lunedì e martedì, ha come protagonisti i carboidrati e le verdure, con lo scopo di stimolare la digestione corretta degli alimenti e di favorire la trasformazione degli stessi in energia utile piuttosto che in grasso di troppo. Nella seconda fase, da seguire il mercoledì e il giovedì, via libera a proteine e verdure, per trasformare il grasso in massa muscolare. Nella terza e ultima fase, invece, che dura tre giorni, da venerdì a domenica, si privilegiano i grassi a scapito di carboidrati e proteine.

Segui Pour Femme

Venerdì 24/01/2014 da

Commenta

Ricorda i miei dati

Pubblica un commento
Paper Project
Segui PourFemme
Scopri PourFemme
torna su