Le bibite con il dolcificante fanno male al cuore delle donne

da , il

    bibite zuccherate e dolcificate

    Una recente ricerca ha messo in luce la relazione tra il consumo di bibite con dolcificante e i problemi al cuore di molte donne. Non è quindi solo la linea a risentirne: gravi problemi possono essere causati anche dai trigliceridi alti e diabete. Lo dimostra una ricerca statunitense coordinata dall’università dell’Oklahoma e presentata all’ultimo congresso dell’American Heart Association in Florida. Gli studiosi hanno così analizzato le abitudini alimentari di più di quattromila statunitensi fra i 45 e gli 84 anni che negli anni avevano preso parte allo studio MESA (Multi-Ethnic Study of Atherosclerosis) sull’aterosclerosi.

    E’ quindi emerso che le donne che consumano due o più bibite zuccherate (che possono anche favorire la gotta) al giorno hanno un rischio cardiovascolare molto maggiore rispetto a chi ne beve solo una o a chi non ne beve per nulla.

    «In generale le donne hanno bisogno di meno energia e quindi meno calorie rispetto agli uomini, basti pensare al fatto che devono mantenere un organismo più piccolo e con una minore massa muscolare», ha detto la coordinatrice dello studio Christina Shay, che lavora presso l’Health Sciences Center dell’università dell’Oklahoma.

    «Se quindi una donna assume 130 calorie con una bibita queste avranno conseguenze metaboliche più pesanti per lei che per un uomo, proprio perché rappresentano una porzione considerevole rispetto al suo fabbisogno calorico giornaliero».

    Lo studio in realtà ha anche dimostrato che non c’è una correlazione tra obesità e consumo di bibite zuccherate ma che queste ultime sarebbero molto pericolose per ictus e problemi di cuore.

    «Le donne che nello studio hanno assunto più di due bevande dolcificate al giorno hanno fatto registrare un aumento del girovita, anche senza un aumento del peso corporeo», precisa la ricercatrice. «Di solito siamo portati a pensare che le persone che bevono molte bevande dolcificate abbiano un maggior rischio di diventare obese e, di conseguenza, di avere un maggior rischio di ammalarsi di diabete e malattie cardiovascolari. Sebbene questo sia vero il nostro studio dimostra che i fattori di rischio per malattie cardiache e ictus si sviluppano anche quando le donne non aumentano di peso».