Le diete funzionano se sono semplici e si fanno con volontà

da , il

    perdere peso

    Divisi tra dieta a zone e dieta a punti? Tra vegana e plank? In realtà perché una dieta funzioni ci vuole volontà e semplicità. Questo almeno quanto emerge dallo studio pubblicato su Appetite dai ricercatori dell’Università dell’Indianam, negli Usa, e del Max Planck Institute for Human Development di Berlin. La ricerca è stata condotta su 390 donne, divise in due gruppi, alle quali è stato chiesto di seguire due diversi tipi di dieta: la Weight Watchers, che assegna dei punti a ogni cibo e non consente di superare un determinato punteggio al giorno, e Brigitte, piuttosto diffusa in Germania, che prevede una lista di alimenti cui i partecipanti si devono attenere.

    Risultato? Dopo quasi due mesi (8 settimane), è emerso che al di là del regime ipocalorico scelto, i risultati più duraturi erano stati conseguiti dalle donne che avevano aderito con maggiore convinzione al programma stabilito. Coloro che invece ritenevano che il piano da seguire fosse troppo complesso, erano state più inclini alla resa.

    “Se chi segue un regime alimentare ipocalorico – spiega Peter Todd, docente dell’Indiana University – trova troppo complesse le regole da seguire, avrà l’impressione che la dieta sia troppo dura e tenderà a rinunciarvi”.