Le diete iperproteiche sono dannose per la salute

da , il

    fabbisogno proteico dannoso

    Le diete iperproteiche sono diventate una vera moda, negli ultimi tre anni. Il motivo è facilmente spiegale: le proteine hanno un’altissima capacità saziante e aiutano a perdere peso più velocemente. Tra le diete più note, c’è sicuramente la Dukan che ha conquistato milioni di persone in tutto il Mondo occidentale. Questa dieta è stata molto criticata dai nutrizionisti italiani, da quelli francesi e anche da quelli britannici perché è un po’ troppo pesante da tollerare. Può mettere a rischio, come una qualsiasi dieta proteica, sia i reni sia il fegato. Attenzione quindi non solo al nome, ma anche a com’è stato studiato il regime.

    Troppe proteine nella dieta quotidiana

    A lanciare l’allarme è uno studio nutrizionale condotto dagli esperti dell’INRAN che dimostrato che la popolazione italiana adulta consuma mediamente 1,2 grammi di proteine per chilogrammo corporeo il giorno. È tanto. La dieta Mediterranea, infatti, consiglia di non superare il grammo per chilo. Vuol dire che mediamente ne mangiamo almeno un 20 percento in più. Purtroppo è anche una questione di pigrizia, oltre che di cultura. È molto più facile cuocere una bistecca che preparare una zuppa di legumi (proteine vegetali) o un piatto a base di pesce. Quest’atteggiamento, ovviamente, non fa bene alla salute e il continuo aumento dei tassi relativi all’obesità è così facilmente spiegale.

    La dieta iperproteica: un pericolo per la salute

    Una dieta iperproteica, come può essere la Dukan, che abbiamo nominato all’inizio dell’articolo, propone l’assunzione di quasi il triplo delle proteine consigliate dalla Dieta Mediterranea. In media parliamo di 2,5 grammi per chilo al giorno. Questa dose probabilmente può anche favorire il dimagrimento, ma secondo gli esperti è potenzialmente dannosa per la salute, soprattutto se proseguito per lungo tempo. Le persone che possono avere i danni maggiori sono quelli già predisposti o affetti da malattie renali ed epatiche, ma anche chi non sta bene di salute può correre dei rischi.

    I rischi della dieta iperproteica

    La dieta iperproteica tende, a lungo termine, ad appesantire troppo il lavoro di fegato e reni. Stando a quanto è emerso dallo studio firmato dall’INRAN le persone più longeve sono quelle che non hanno esagerato con le dosi. Ricordiamo poi che assumere troppe proteine animali aumenta il rischio tumore, come il cancro alla prostata e il tumore della mammella nelle donne in età pre-menopausale. Come si può ridurre questo pericolo? Favorendo una dieta ricca di frutta e di verdura, consumando soprattutto proteine vegetali, pesce almeno due volte la settimana, uova e formaggi. La carne rossa va mangiata una volta sola la settimana, quella bianca non più di due. Essere magri vuol dire anche rispettare il proprio corpo e preservarne la salute.