Le verdure fanno bene se condite nel modo opportuno

Le verdure fanno bene se condite nel modo opportuno
da in Dieta Scarsdale, Grassi, Legumi, Verdure
Ultimo aggiornamento:

    verdure condimenti

    Le verdure sono alla base di una sana e corretta alimentazione. Secondo i medici, ogni persona dovrebbe consumarne circa 5 porzioni al giorno, per essere sicuri di assorbire tutti i nutrienti e le vitamine fondamentali. Quello che però è poco conosciuto è che non basta mangiare la frutta e la verdura, ma è necessario condirle nel modo opportuno. Sono proprio i grassi che determinano l’assorbimento di alcuni composti importanti, come i carotenoidi liposolubili. Ma scopriamo insieme quindi i segreti e i motivi per consumare correttamente i vegetali.

    A sostenere questa interessante tesi sono gli esperti della Purdue University (Usa), che hanno condotto uno studio davvero articolato per verificare l’assorbimento e la biodisponibilità delle sostanze nutritive. Bisogna, infatti, iniziare a pensare che mangiare è molto importante, ma non è sufficiente ingurgitare cibo sano per essere sicuri di stare bene, in linea e in salute. Questa riflessione dovrebbe servire soprattutto a coloro che sono malati di ortoressia, ovvero mangiano solo le cose che in teoria dovrebbero essere salutari, causandosi spesso gravissime carenze alimentari.

    Per capire questo meccanismo i ricercatori, coordinati dal dottor Mario Ferruzzi, hanno verificato come cambi l’assorbimento dei carotenoidi liposolubili (tra cui possiamo trovare la luteina, il licopene, il beta-carotene e la zeaxantina) a seconda del condimento dell’insalata. Nello studio, sono stati usati grassi saturi, monoinsaturi e polinsaturi. Alla ricerca hanno partecipato 29 persone e hanno mangiato insalate condite rispettivamente con burro, olio di oliva e un mix di olio di semi.

    I tre prodotti rispettano le categorie che abbiamo precedentemente elencato.

    Per capire l’assorbimento, inoltre, sono stati fatti degli esami del sangue ed è emerso che la verdura condita con olio d’oliva, quindi grassi monoinsaturi, ha permesso il massimo assorbimento e la biodisponibilità di carotenoidi, mentre le insalate condite con grassi saturi o polinsaturi sono state sicuramente meno salutari. Perché questa novità è importante? Perché l’alimentazione è uno strumento nelle mani dell’uomo per difendersi da malattie gravi, come quelle cardiovascolari o il cancro. E’ anche vero,però, che bisogna imparare a mangiare con più consapevolezza. Spesso, purtroppo c’è molta ignoranza sul cibo e sui benefici che se ne possono trarre.

    Mario Ferruzzi, autore principale dello studio, ha dichiarato: “Se si vuole ottenere di più da frutta e verdura, è necessario abbinarle correttamente con i condimenti a base di grassi. Se mangiamo un’insalata con un condimento privo di grassi, vi è una riduzione di calorie, ma si perdono alcuni dei benefici delle verdure”. I grassi quindi non vanno esclusi dalla dieta, ma vanno selezionati e dosati nel modo più corretto. Ricordiamo poi che l’olio d’oliva è un prodotto tipico della dieta mediterranea, è antiossidante e previene il tumore.

    Foto di publicdomainpictures.net

    508

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN Dieta ScarsdaleGrassiLegumiVerdure
     
     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI