Le verdure lassative per combattere la stitichezza

da , il

    Verdure contro la stitichezza

    Le verdure lassative possono essere un validissimo alleato per combattere la stitichezza: una sana e varia alimentazione infatti è il modo migliore per stimolare le funzioni intestinali, per sconfiggere il gonfiore e il senso di pesantezza. Di norma mangiare frutta e verdura di ogni tipo aiuta la regolarità ma ci sono senza dubbio degli alimenti che più di altri aiutano a combattere la stitichezza. Vediamo insieme quali sono ma soprattutto una ricetta infallibile a base di verdure che è anche deliziosa!

    Quali sono le verdure lassative?

    I cibi lassativi sono quelli in grado di stimolare le funzioni dell’intestino e quindi vi consentono di evacuare in modo costante, regolare e senza problemi. Le verdure sono ottime per questo scopo, sia cotte che crude: come suggeriscono i medici infatti andrebbero consumate ogni giorno, almeno due volte al dì, per evitare problemi di stitichezza ma anche carenza di vitamine. Le verdure sono considerate dei veri toccasana per la presenza di fibra alimentare che aiuta la mobilità intestinale. Il consiglio è quindi quello di non farsi mai mancare gli asparagi, la cicoria, i cavolfiori, gli spinaci e i fagiolini. Ricordiamo anche di fare il pieno di cavoletti di Bruxelles, carote, broccoli e porri.

    Ricetta della minestra lassativa

    Ecco inoltre la ricetta di una minestra depurativa e lassativa a base di lattuga.

    Ingredienti:

    1 Lattuga a cappuccio

    4 cipolotti freschi

    3 ceppi di spinaci

    1 zucchina bianca

    olio di oliva

    grana grattugiato

    1 dado vegetale o sale a piacere

    Preparazione:

    Per prima cosa lavate bene le verdure e tagliatele tutte a pezzi non troppo piccoli. Unite le verdure in mezzo litro di acqua che farete poi bollire per circa un’ora a fuoco lento. Una volta che le verdure saranno ben cotte e ammorbidite, potrete passare tutto nel mixer fino ad ottenere una crema. Per renderla più densa e gustosa potrete anche unire un po’ di farina di kamut o bianca mescolando bene per evitare che si formino dei grumi.