Mangiare in gravidanza: i cibi per restare in forma

da , il

    mangiare in gravidanza

    Cosa mangiare in gravidanza? Un tempo c’erano molte meno indicazioni e le mamme riuscivano a mangiare un po’ di tutto a cuor leggero, ma oggi che si conoscono i rischi e le necessità, le donne sono un po’ più spaventate di commettere errori. E nonostante questo timore, un recente sondaggio ha dimostrato che la maggior parte delle signore incinta o in fase di allattamento sbaglia completamente alimentazione. Ecco quindi che oggi facciamo un pochino il punto ricordando che non è vero che bisogna mangiare per due e che bisogna stare attenti anche a ingessare (un chilo al mese è sufficiente).

    • Le calorie
    • La prima cosa da fare è valutare il proprio peso in relazione all’altezza prima del concepimento, questo permette di capire se già ci sono dei problemi di obesità o piuttosto si è troppo graciline. Una donna non gravida normopeso e con normale attività fisica necessita di circa 2000/2500 kcal al giorno. Nel primo trimestre non bisogna superare le 150 calorie in più al giorno, mentre nel terzo le 300. Il consiglio, inoltre, è quello di dividere le calorie in piccoli e frequenti pasti, evitando lunghi periodi di digiuno durante la giornata e la notte. Mangiate lentamente evitando così l’ingestione di aria che può dare senso di gonfiore addominale e distribuite i cibi più calorici al mattino ed a pranzo.
    • Cosa mangiare?
    • Potete mangiare un po’ di tutto, cercando di fare attenzione alle vitamine e ai Sali minerali. È importante che la vostra vita non venga stravolta dalla gravidanza, non siete mica malate. Dovete piuttosto migliorare la vostra alimentazione, mangiando tanta verdura e frutta, ci vogliono le proteine, che sono importanti per la crescita del feto, non esagerate con i condimenti e limitate le bevande troppo dolci e gli alcolici, mentre è importante bere tanta acqua: quella del rubinetto va benissimo.
    • Cibi da evitare per prevenire la Toxoplamosi
    • Ricordatevi che per evitare il contagio da toxoplasmosi dovete evitare gli insaccati, la carne cruda, molluschi e selvaggina e le verdure e la frutta cruda. Se volete mangiarla lavatela bene, magari con Amuchina o sostanze simili a base di cloro. Lavatevi sempre bene anche le mani, ricordate che il sapone è la difesa migliore. E poi state lontani dai gatti. Evitate poi cibi a temperatura troppo alta o troppo bassa. Dolcificanti di sintesi. Cibi piccanti, cibi in salamoia o affumicati.
    • La nausea
    • Per prevenire la nausea i rimedi sono un po’ sempre gli stessi: mangiate cibi secchi e tostati, evitate i grassi e di stare a lungo a digiuno. Come consigliato sopra, vi conviene sempre consumare dei piccoli pasti. Un rimedio molto usato, gli esperti sostengono che non abbia alcuna base scientifica, è lo zenzero. Provate, magari mangiando qualche biscottino: sono buoni, delicati e dovrebbero essere d’aiuto.