Mangiare la frutta fa ingrassare?

da , il

    mangiare frutta ingrassa

    Mangiare la frutta, prima di tutto, fa bene alla salute perché contiene tante sostanze importantissime per la salute come le vitamine e gli antiossidanti. È vero però che la frutta è anche piena di zuccheri e che di conseguenza possa essere molto più calorica del previsto. I nutrizionisti, in linea di massima, infatti, consigliano di mangiare un frutto come spuntino e poi consumare tanta verdura, soprattutto a foglia, decisamente più light. Ma vediamo meglio qualche regola generale per consumare il giusto quantitativo.

    Quando mangiare la frutta

    Qualcuno sostiene che sia importante fare attenzione al momento della giornata in cui si consuma la frutta. Per esempio, non è sempre consigliabile alla fine dei pasti perché tende ad appesantire la digestione. Qualche esperto consiglia o di mangiarla tra un pasto e l’altro, quindi come merenda, oppure di sostituire i piatti della cena solo con questi prodotti. Per facilitare la digestione, conviene preferire le classiche mele, pere o l’ananas, mentre il melone o l’anguria sono decisamente più pesanti.

    La frutta che ingrassa

    Esistono dei frutti particolarmente zuccherini che tendono a far ingrassare di più. Il parametro rilevante è l’indice glicemico, ovvero la velocità con cui gli zuccheri contenuti nella frutta vengono assorbiti dall’organismo. Più é basso l’indice glicemico meglio é. Per esempio, i fichi sono abbastanza letali per la linea, così come l’uva o i cachi. Anche le banane non scherzano. Come sempre bisogna valutare come vengono assunti. Se da soli, non c’è alcun problema.

    La frutta che non ingrassa

    Le mele, le pere, le albicocche e le pesche sono i frutti con minor indice glicemico in assoluto. Per non ingrassare, inoltre, dovete consumare quei prodotti della natura che contengono molte quantità d’acqua, come il melone, ha solo 18 calorie su 100 grammi (pochissime) e l’anguria. In estate, sono una fonte importantissima per idratarsi mantenendosi leggeri. A questo elenco aggiungerei, anche, le fragole e il loro succo che ha proprietà battericida. La mela ovviamente è un evergreen.

    Quanta frutta mangiare

    Il consiglio è di circa tre porzioni al giorno. Potreste mangiarla a colazione, come merenda o durante i pasti principali. Devo dire che come spuntino è perfetta, perché non appesantisce, ma al tempo stesso inganna il nostro senso di fame, perché ci fa arrivare al pranzo o alla cena un po’ più sazie. Ci sono, inoltre, tanti modi per mangiarla: va benissimo anche qualche buon succo o frullato, soprattutto per i bambini.

    Per avere maggiori informazioni sul tema, non perdete i nostri approfondimenti:

    Frutta, perché le mele sono importanti nella dieta?

    Dieta dimagrante: frutta e verdura a volontà

    Frutta tropicale, perché è importante?

    Calorie della frutta: quanta mangiarne?