Melograno nella dieta: le proprietà dimagranti, le calorie e i valori nutrizionali

Il melograno è un frutto dalle mille virtù e, tra le sue proprietà, ci sono anche quella dimagrante e depurativa. Inoltre, contiene poche calorie e quindi può essere utile per chi è a dieta e vuole perdere peso. Scopriamo le proprietà e i valori nutrizionali del melograno e vediamo come dimagrire introducendo nella dieta questo frutto.

da , il

    Melograno nella dieta: le proprietà dimagranti, le calorie e i valori nutrizionali

    Il melograno nella dieta: le proprietà dimagranti, i valori nutrizionali e le calorie ridotte, rendono questo frutto un ottimo alleato per chi vuole perdere peso. Le proprietà di questo frutto sono note: dalle proprietà depurative, antiossidanti e antinfiammatorie, a quelle dimagranti, il melograno è tra i frutti autunnali più efficaci per migliorare la circolazione, abbassare i livelli di colesterolo e favorire l’ossigenazione dei tessuti portando così benefici al metabolismo e combattendo l’accumulo di grasso. Il melograno è un vero e proprio integratore naturale, un prezioso alleato per contrastare i chili di troppo e modellare il nostro giro vita. Si tratta di un frutto che ha origini asiatiche e la scoperta delle sue mille virtù risale a molti secoli fa: da sempre, il melograno è considerato un elisir di lunga vita, capace di contrastare l’invecchiamento. Scopriamo le proprietà dimagranti e i valori nutrizionali del melograno e vediamo come possiamo integrarlo all’interno di una dieta equilibrata.

    Il melograno

    Il melograno è un frutto tipico della stagione autunnale, comincia a maturare dal mese di ottobre e il suo nome deriva dall’unione di due termini latini, “malum” (mela) e “granatum” (con semi). In effetti, la sua forma e il suo bel colore rosso intenso ricordano una mela, ma, a differenza delle mele, la buccia non si mangia e all’interno sono presenti tantissimi chicchi: questi prendono il nome di arilli, sono teneri e succosi, hanno un gusto leggermente acidulo e sono ricchi di proprietà benefiche.

    Il melograno ha origini orientali, in Asia Occidentale, ma oggi viene coltivato in tutte le zone dal clima mite e in quelle con un clima fresco, in particolare in America e nell’area dell’Europa mediterranea. Anche se ancora non è molto diffuso sulle nostre tavole, il melograno è un frutto molto versatile, che può essere consumato in tantissimi modi diversi ed essere inserito senza problemi in ricette sia dolci che salate. Vediamo dunque quali sono i benefici del melograno.

    Proprietà del melograno

    Come abbiamo detto, il melograno è un frutto particolarmente ricco di virtù grazie alla sua composizione e alla presenza di molte sostanze nutritive benefiche all’interno dei suoi chicchi. Tra le principali proprietà benefiche del melograno ci sono le seguenti:

    • Antitumorale – grazie alla presenza di una grande quantità di tannini e polifenoli, il melograno svolge una potente azione contro i tumori perché riduce i radicali liberi; in particolare, sono stati riscontrati effetti positivi contro il tumore al seno, alla prostata e alla pelle.
    • Antiossidante – all’interno del melograno sono presenti sostanze in grado di combattere i radicali liberi, che sono i primi responsabili dell’invecchiamento; grazie al melograno, è possibile favorire la rigenerazione cellulare e la riparazione dei tessuti, con effetti antietà sull’intero organismo e in particolare sulla pelle: sembra infatti che questo frutto possa aiutare a ridurre l’iperpigmentazione, macchie e rughe dovute all’età.
    • Contro il colesterolo – anche la salute del cuore può trarre beneficio dal consumo regolare di melograno: in particolare, esso svolge un’azione di prevenzione delle malattie cardiovascolari e aiuta a ridurre il colesterolo cosiddetto cattivo e ad aumentare invece quello buono, limitando così il rischio di patologie cardiovascolari o insufficienza cardiaca.
    • Depurativo e dimagrante – grazie agli antiossidanti che contiene, il melograno è un frutto che aiuta ad accelerare il metabolismo, evitando così di far depositare i grassi nelle zone critiche; inoltre, essendo ricco di potassio, svolge un’importante azione depurativa perché favorisce la diuresi e, quindi, l’eliminazione di scorie e tossine che si accumulano nell’organismo.

    Possiamo quindi dire che il melograno è un frutto che può aiutarci a dimagrire: ma quante calorie contiene un melograno?

    Melograno: calorie e valori nutrizionali

    melograno_fa_dimagrire

    Come abbiamo visto, il melograno nella dieta è un ottimo alleato perché mantiene attivo il metabolismo e ci aiuta a depurare l’organismo. Inoltre, il melograno è anche poco calorico: in un frutto ci sono circa 75 calorie, mentre 100 grammi di chicchi di melograno contengono circa 65 calorie. Dunque se vi state chiedendo se il melograno fa ingrassare, la risposta è no, potete consumarlo tranquillamente come spuntino mattutino o pomeridiano.

    Inoltre, è ricchissimo di antiossidanti e contiene una quantità elevata di vitamine e sali minerali; sorprende in particolare la quantità di vitamina C contenuta in un solo melograno, che copre quasi il 20% del fabbisogno giornaliero di un uomo normopeso adulto. Tra le altre vitamine, si registra un’elevata presenza di vitamina K, importantissima nella crescita dei bambini, vitamine del gruppo B, vitamina A ed E. Per quanto riguarda i sali minerali, da notare la quantità di potassio, che aiuta le cellule a svolgere le loro funzioni correttamente, ma anche di ferro, calcio, magnesio e fosforo. Infine, il melograno contiene un’alta percentuale di fenoli di vari tipi, particolarmente importanti per combattere i radicali liberi e svolgere quindi un’azione antiossidante.

    Ora che abbiamo visto la composizione del melograno, scopriamo come possiamo integrarlo nella nostra dieta per sfruttarne tutte le proprietà dimagranti.

    Melograno: come inserirlo nella dieta

    melograno_dieta

    Il modo migliore per consumare il melograno, preservandone tutte le qualità e virtù, è mangiarlo fresco. Ma come pulire e come sbucciare il melograno? Dovete tagliarlo e rimuovere al meglio i chicchi, rimuovendo tutte le membrane bianche perché contengono tannino e possono avere un gusto amarognolo. Per riconoscere un frutto maturo, scegliete melograni che abbiano un bel colore rosso acceso non troppo scuro e, una volta aperto il frutto, potete verificare che sia al punto giusto di maturazione colpendo il frutto con un cucchiaio sulla buccia: se i semi cadono da soli, significa che è il momento di mangiare il melograno.

    Melograno a colazione

    In ogni colazione corretta dovrebbe essere presente della frutta fresca: potete quindi preparare una macedonia e arricchirla con i chicchi di un melograno oppure utilizzarlo per rendere più gustoso uno yogurt bianco; c’è anche chi ama mangiare i chicchi di melograno semplicemente conditi con qualche goccia di limone. Inoltre, è un’ottima idea quella di consumare un succo o un centrifugato di melagrana: attiverete in questo modo, già di prima mattina, un’azione depurativa e drenante. Se scegliete il centrifugato ricordatevi di berlo subito, non solo perché acquisirete tutte le proprietà del frutto ma anche per evitare che il gusto diventi leggermente amarognolo.

    Melograno nei pasti

    Sono moltissime le ricette in cui il profumo del melograno assume un ruolo di co-protagonista in virtù. Per esempio il melograno insieme alla carne, alimento acido, favorisce la digestione delle proteine e diminuisce così l’assorbimento dei grassi. Ma questo straordinario frutto riesce ad inserirsi in un intero menu, dall’antipasto al dolce: dalle insalate di pollo per aumentare la massa magra ai risotti per impreziosire il gusto con una nota acidula tipica di questo frutto, dalla carne per far assorbire meno grassi a tantissime varietà di dolci light, ma anche come ingrediente di particolarissime insalate di farro o cous cous dai sapori esotici.

    Il succo di melograno

    Il succo di melograno, oltre ad essere molto buono, è semplicissimo da preparare anche in casa: basta avere a disposizione uno spremiagrumi e utilizzare il melograno proprio come fareste con un’arancia o un limone. In alternativa, potete acquistare il succo di melograno già pronto, privilegiando quelli biologici. Si tratta di una bevanda benefica perché conserva tutti i principi attivi del frutto ed è quindi ricchissima di vitamine e antiossidanti; potete consumarla in purezza, la mattina a colazione o quando ne avete voglia, ma anche usarla come base per cocktail raffinati e salutari. Inoltre, si può usare il succo di melograno come condimento al posto dell’aceto, del limone o per realizzare particolari marinature.

    Melograno: controindicazioni

    Il melograno presenta poche controindicazioni, tuttavia è bene esserne a conoscenza: è infatti sconsigliato in caso di acidità gastrica o di problemi di reflusso poiché si tratta di un frutto acido; inoltre, un consumo eccessivo di melograno può portare anche a un’intossicazione, con sintomi che vanno dalle vertigini alla cefalea alla sonnolenza fino a difficoltà respiratorie. Infine, se state assumendo farmaci anticoagulanti, sarebbe meglio consultare il medico prima di consumare del melograno.