Mortadella, alimento perfetto per la dieta

da , il

    Mortadella Bologna

    No, la mortadella no, perché ingrassa. C’è del prosciutto? Quante volte l’abbiamo pensato. La notizia di oggi è che l’Istituto di ricerca per alimenti e nutrizione ha promosso la cosiddetta Bologna: può entrare nella dieta quotidiana, perché ha poco colesterolo, limitata presenza di sale, ma è ricca di ferro e zinco. Chi lo avrebbe mai detto? Si dimostrata un alimento perfetto per chi fa sport e ha bisogno di un giusto apporto energetico. La mortadella diventa così l’insaccato più in linea con le tendenze della scienza dell’alimentazione. Un bel risultato, che tra l’altro sfata tutti i falsi miti che negli anni ci hanno tenuto lontani da questo fantastico prodotto emiliano.

    Secondo le analisi dell’ Inran, è ricco di minerali come ferro e zinco, dagli studi emerge la presenza anche di vitamine B1, B2 e niacina e un basso apporto di colesterolo e limitata presenza di sale. E non pensiate che le calorie siano eccessive: un etto di mortadella possiede meno calorie di un piatto di pasta e le stesse calorie del formaggio da spalmare.

    Ciò che lo rende un prodotto abbastanza speciale, soprattutto per essere un insaccato, è il colesterolo: soltanto 60-70 milligrammi di colesterolo per etto, proprio come la carne bianca. Grazie all`opportuna scelta delle carni e alla loro lavorazione in condizioni di temperatura controllata, inoltre, la presenza di proteine nobili è molto elevata.

    Ditemi che non vi è venuta voglia di un bel panino? Potreste aspettare lunedì prossimo quando, in occasione delle celebrazioni di santo Petronio, patrono di Bologna, le “Vie del Gusto“, in collaborazione con la provincia di Bologna, l`Apt Emilia Romagna e l`associazione “Strada dei vini e dei sapori”, metterà in scena una sorta di “processo” alla mortadella.