Obesità: la dieta da seguire e i centri per curarsi

da , il

    obesità

    L’obesità è uno dei mali più silenziosi del nostro secolo. Si è svolto poche settimane fa l’Obesity Day portando alla luce dei dati davvero spaventosi. Crescono gli uomini e i bambini in sovrappeso e, nonostante ci sia un’attenzione maggiore alle diete, ci si mette a regime per motivi sbagliati e di solito anche utilizzando dei metodi errati, come diete copiate dai giornali, senza la guida di un medico e la personalizzazione. Inoltre, il movimento è importante, ma molti lo utilizzano solo per placare il senso di colpa dopo un’abbuffata. Così non va bene: bisogna essere costanti ed evitare sforzi eccessivi. Ecco le principali diete.

    • La dieta del rosso e blu
    • Abbiamo detto più volte che il cromatismo dei colori può aiutarci a scegliere il regime giusto. Ecco, questi due colori raggruppano frutta e verdure perfette per combattere l’obesità, perché si sfruttano le proprietà benefiche delle antocianine ovvero dei pigmenti che colorano la frutta, la verdura e anche i fiori. Preferite quindi fragole, mirtilli, melanzane, ma anche frutti di bosco, insalata rossa, anguria. Poi è importante evitare cibi grassi e carne rossa. Solo così si possono prevenire le malattie cardiovascolari.
    • Dieta ipocalorica
    • Con questo regime s’intende la diminuzione delle calorie pur garantendo il costante apporto di proteine, minerali e vitamine. La diminuzione delle calorie è proporzionale alla quantità di massa adiposa. In genere, comunque, si preferisce un decremento non troppo drastico: circa 200 o 300 calorie in meno al giorno, per poi andare a decrescere fino al raggiungimento del peso forma e il mantenimento del fabbisogno energetico. Non fate da soli, ma andate da un dietologo.
    • Dieta ipolipidica
    • Questa dieta direi che è una buona soluzione perché consiste nell’abolizione dei lipidi, cioè degli alimenti contenenti grassi, in particolare dei grassi saturi (grassi di origine animale), che tendono ad accumularsi nel corpo come massa adiposa. Può essere alternata a un semidigiuno, integrato con vitamine e alimenti ricchi di proteine, per garantire forza al fisico, che altrimenti sarebbe debilitato.
    • Come curarsi?
    • La prima cosa che mi sento di consigliare è il portale Amici Obesi o l’associazione INSIEME-Amici Obesi che nasce nel 2005, per colmare le esigenze informative sull’Obesità in quanto malattia istituzionalmente riconosciuta e sui possibili percorsi di cura per affrontarla. Sulle pagine web trovate tutte le indicazione per rivolgervi ai centri specializzati, ma anche contatti con esperti. E’ davvero una bussola importantissima per chi ha problemi di peso. Altrimenti potete rivolgervi ai centri disturbi alimentari della vostra città. Oltre a curare bulimia e anoressia, sono preparati anche sull’obesità. Spesso sono direttamente in ospedale, come a Niguarda per la città di Milano.