Perdere peso camminando: consigli, distanze e velocità

Perdere peso camminando: consigli, distanze e velocità
da in Fitness, Dimagrire camminando
Ultimo aggiornamento:

    camminare e perdere peso

    Camminare è un’attività semplicissima, naturale e alla portata di tutti, nonché ottimo alleato per tenersi in forma, tonificare, bruciare calorie e stimolare le endorfine, fondamentali per il nostro buon umore. Camminando quotidianamente si tengono lontane malattie come il diabete, l’ipertensione arteriosa, l’infarto e l’obesità.

    Diversi studi hanno dimostrato che è sufficiente camminare ad un velocità costante per bruciare i grassi di riserva, ovvero quelli che tutti vorrebbero eliminare. Non è necessario correre per perdere peso. Anzi, la corsa tende a bruciare prima di tutto i carboidrati e poi i grassi di riserva. A fine corsa, si ha un senso di appetito maggiore: si consumano più calorie ma si rischia di mangiare di più. Al contrario, a fine camminata il senso di fame è quasi nullo. Questa attività è perfetta anche per le persone in sovrappeso. Fare sport, sollecitando l’attività cardiaca, è sconsigliato per chi è completamente fuori allenamento, e per le persone con chili in eccesso. Per questo, camminare è un buon inizio per ottenere risultati soddisfacenti senza mettere a rischio la propria salute.

    • Camminare 30 minuti al giorno è l’ideale per rendere la camminata realmente efficace. Quando questo non è possibile anche 10 minuti alla mattina e 10 alla sera andranno bene, anche se meglio non spezzare l’attività fisica. Camminare con costanza, può dare buoni risultati anche senza modificare l’alimentazione. Camminando si fa un’attività aerobica: si bruciano i grassi in eccesso e si accellera il metabolismo.

      Perché questo accada, è importante non ingerire più calorie rispetto a quelle che si bruciano.

    • Provate a camminare a velocità costante: 4km/h sono ottimi per iniziare. Dopo i primi 3 mesi di allenamento è bene aumentare a 6km/h.
    • Contare i passi aiuterà a tenere sotto controllo il peso. Le donne tra i 18 e i 40 anni dovrebbero fare 12mila passi al giorno, 11 mila per le donne tra i 50 e i 60 anni, per gli ultrasessantenni ne bastano 8 mila. Potete farvi aiutare dalla tecnologia, acquistando un contapassi.
    • Annotare i risultati ottenuti. A fine allenamento, è utile segnare tempo e km percorsi, cosi sarà più semplice vedere i progressi fatti.
    • Camminare in salita farà bruciare il 40% in più di calorie rispetto ad una camminata in piano. Favorirà inoltre la tonificazione di gambe e glutei.
    • Camminare in discesa è ancora più efficace, ma i muscoli vengono sollecitati maggiormente quindi, meglio praticarla se si è molto allenati.
    • Fare stretching prima e dopo la camminata. Muscoli e articolazioni non subiranno affaticamenti.
    • Abbigliamento pratico e comodo. Meglio evitare indumenti sintetici. Scegliere le scarpe giuste, che facilitino l’azione corretta del piede. Utilizzando scarpe adatte per la camminata, si evita di creare danni alla schiena e ai piedi stessi.

    536

    SCRITTO DA PUBBLICATO IN FitnessDimagrire camminando

    Speciale Pasqua

     
     
     
     
     
    PIÙ POPOLARI