Scopri la dieta consigliata per chi soffre di ipertensione

da , il

    dieta ipertensione

    L’ipertensione può essere curata impostando una dieta corretta e povera di sale. Purtroppo questo disturbo ha conseguenze gravi sulla salute, ma cercare di condurre una vita sana e regolare, fare una moderata attività fisica ed eliminare alcuni cibi “nocivi” dalla propria alimentazione, aiutano a gestire la pressione alta. Vediamo quindi quali accortezze sono necessarie per tenere controllato anche il valore della pressione alta, partendo da un dato chiave: bisogna ridurre il sale.

    Sale


    Il sale, purtroppo, è ovunque. Lo troviamo in tantissimi alimenti, anche nella carne, senza la necessità di aggiungerlo questo perché aiuta la conservazione dei cibi e poi perché, soprattutto i prodotti già confezionali, lo utilizzano per aggiungere sapore. È importante quindi impostare una dieta iposodica e sostituirlo, quando si può, con delle classiche spezie. Sono molto saporite e fanno anche bene alla salute.

    Corretta ripartizione giornaliera della dieta

    La dieta quotidiana dovrebbe prevedere il 45% di carboidrati, il 15% di proteine, il 25% di grassi e il restante 15% deve essere personalizzato in base al grado di sedentarietà del soggetto. Per esempio se fate tanto sport, magari potreste aggiungere più proteine o se avete bisogno di zuccheri più carboidrati. Questa è la regola base con cui organizzare la propria dieta quotidiana, soprattutto se si è scelto il modello mediterraneo.

    I cibi da eliminare o moderare

    Ci sono dei prodotti che vanno mangiati con moderazione e in alcuni casi anche evitati. Tra questi troviamo: cibi fritti o arrostiti, carni grasse, formaggi grassi, pizza, cioccolato e dolciumi in genere, bevande gassate, alcolici e superalcolici. Anche gli zuccheri, proprio come il sale, non fanno benissimo: è bene quindi non aggiungerne o cercare delle alternative, come il fruttosio. Attenzione anche non esagerare con i condimenti, come burro e olio.

    I cibi consigliati

    La frutta in generale non ha controindicazioni, così la verdura e la maggior parte dei legumi. Molto bene anche le carni bianche e rosse, purché cotte in modo leggero e soprattutto consumate poche volte la settimana, sì anche ai formaggi freschi e alla pasta. Sono promossi i latticini in generale, come lo yogurt, ma anche il pesce e il pane integrale. In realtà bisogna fare molta attenzione a come si mangia, più che a cosa si mangia.

    Se volete conoscere qualche altro dettaglio sull’argomento, non perdete i nostri approfondimenti:

    Dieta equilibrata, quanto conta il potassio?

    Carboidrati: meno sale nel pane in Lombardia

    Ipertensione, pressione più bassa con i mirtilli

    Cereali e pane integrale prevengono l’ictus