Zucca: tre ricette light

da , il

    Zucca: tre ricette light

    Abbiamo appena salutato Halloween ma le zucche restano sulle nostre tavole perché possiamo ritrovarle in ricette sfiziose e decisamente light. A renderle regine della dieta in autunno, sono le poche calorie contenute e le moltissime proprietà benefiche racchiuse, che si sprigionano in proposte gustose facilmente declinabili dall’antipasto al dolce. Ecco allora tre ricette davvero deliziose con la zucca che strizzano l’occhio alla linea e vi faranno dimenticare di essere a dieta.

    Risotto alla zucca

    Uno dei piatti più inflazionati con la zucca è sicuramente il risotto che può essere impreziosito da ingredienti, anche decisamente meno light come gorgonzola o salsiccia, o anche gustato così nella sua semplicità regalando comunque un sapore dolce e avvolgente. Vediamolo quindi nella sua versione più dietetica a base solo di zucca ma che conquisterà i vostri palati per la sua gustosità perché, anche se siete a dieta, potrete preparare ottimi risotti con piccoli accorgimenti light. Ingredienti: 100 grammi di riso brillato, 70 grammi di zucca gialla, 10 grammi di cipolle, 5 grammi di olio extra vergine d’oliva, 250 grammi di brodo vegetale. Preparazione: tagliate finemente la cipolla, stufatela per qualche minuto in poco brodo vegetale e un goccio d’olio d’oliva, dopodiché aggiungete la zucca tagliata a dadini e mescolate. Unite il riso, il brodo restante e terminate la cottura per poi cospargelo di parmigiano.

    Gnocchi di zucca senza patate

    Sapete che potrete preparare dei deliziosi gnocchi usando la zucca al posto delle patate? In questo modo saranno più delicati, leggeri ma ancora più gustosi e dolci. Ingredienti: 450 grammi di zucca cruda o 310 grammi cotta e sbucciata, 0 grammi di farina e mezzo uovo. Preparazione: Cuocete le fette di zucca in forno a 180 gradi per 40 minuti, una volta cotte privatele della buccia e pesatene 310 grammi. Scolate bene la zucca aiutandovi poi con uno schiacciapatate per eliminare l’acqua contenuta, un passaggio fondamentale perché se restano i liquidi all’interno gli gnocchi non si formano: cercate di non far passare la polpa della zucca dai buchi ma solo l’acqua utilizzando lo strumento rovesciato per agevolare questa mossa e continuate a mescolare con un cucchiaio. Frullate poi la zucca ben scolata fino ad ottenere un composto omogeneo che, se risultasse ancora troppo acquoso, potrete scaldarla in un padellino a fuoco molto lento per pochi minuti mescolandola con un cucchiaio di legno. Aggiungete poi il mezzo uovo sbattuto, il sale e la farina e procedete poi con l’impasto aiutandovi aggiungendo un po’ di farina sul vostro piano di lavoro. Una volta preparate le palline con l’impasto di zucca, infarinatele leggermente e lasciatele riposare su una teglia per una trentina di minuti e poi saranno pronti per essere cotti in acqua bollente salata.

    Torta salata alla zucca e porri

    La zucca è così ricca di proprietà e benefici per la linea che è anche spesso protagonista di diete particolari volte non solo al dimagrimento ma anche, e soprattutto, alla depurazione. Se siete delle amanti delle torte di verdura potrete prepararne una a base di zucca e porri con un impasto della sfoglia decisamente light. Ingredienti per la preparazione di un tortino monoporzione: 150 grammi di zucca, 1/3 di porro, 30 grammi di ricotta di pecora, 20 grammi di farina 00, 5 grammi di parmigiano, 5grammi di olio extra vergine d’oliva, 5 grammi di pangrattato e noce moscata qb. Preparazione: cuocete la zucca a pezzetti con i porri tagliati a finemente e fate stufare con un po’ d’acqua per una decina di minuti fino a quando non sarà morbida e disfatta. Preparate intanto la pasta amalgamando la farina con metà della ricotta, un filo d’olio e una spolverata di noce moscata, impastate e tirate la sfoglia e foderate la teglia. Per l’impasto unite alla zucca e i porri la ricotta avanzata, il parmigiano, il pangrattato e il sale e, una volta ottenuto un composto omogeneo disponetelo sulla sfoglia, spolverate con un po’ di pangrattato e infornate a 180 gradi per una ventina di minuti.

    Dolcetto o scherzetto?