Cenone di Natale: gli italiani non rinunciano al gusto

Come ogni anno in questo periodo comincia una guerra molto gustosa: pranzo o cena di Natale? Panettone o pandoro? Spumante o champagne?

Pubblicato da Francesca Bottini Martedì 22 dicembre 2009

Come ogni anno in questo periodo comincia una guerra molto gustosa: pranzo o cena di Natale? Panettone o pandoro? Spumante o champagne? E in questo scontro pare proprio che in questo 2009, le lasagne sorpassino i tortellini nel menù della vigilia, e, come sempre, il panettone super classico batte in pandoro. La Federalimentare-GPF ha infatti condotto un sondaggio sulle abitudini degli italiani e sull’evoluzione della tavola di Natale.

L’antipasto di pesce batte i salumi (rispettivamente al 63,6% e 29,6%) e l’insalata russa, paté e salse varie (16,7%). Tra i primi piatti si servono soprattutto lasagne al forno (17,3%) e pasta in generale (15,4%).

Per i secondi il pesce resta leader (57,4%). Niente lotta invece, per il panettone (63%) che supera di gran lunga il pandoro (27,8%). Vino rosso batte il bianco (56,9% vs 54,6%) e prosecco (53,2%). Solo un misero 4,5% per lo champagne.

Per il pranzo del 25 invece, il menu natalizio sarà a base di salumi, lasagne e tortellini, carni rosse e bianche, panettone e vino rigorosamente italiano. Tra i secondi li italiani preferiscono vitello o manzo al forno (32,5%), seguiti dal cappone (16,4%) e dal tacchino farcito al forno (12,8%).

Il pranzo di Natale comunque rimane sempre il preferito dal 65% degli italiani e batte la cena della Vigilia e il Cenone di Capodanno.