Diabete, si può prevenire con gli anacardi

da , il

    Diabete, si può prevenire con gli anacardi

    Gli anacardi sono veramente dei frutti secchi molto gustosi. Spesso sostituiscono patatine e noccioline all’ora dell’aperitivo, nonostante siano meno conosciuti. Vi consiglio prima di continuare a leggere questo post di correre al supermercato e comprarne una scatoletta. Hanno un sapore morbido e delicato, un misto tra noce e mandorla. Ne sarete conquistati. Hanno anche delle proprietà notevoli, da tenere in considerazione un po’ di più quando facciamo la spesa. Gli anacardi, infatti, sarebbero in grado di aiutare le cellule dei muscoli ad assorbire gli zuccheri presenti nel sangue.

    In altre parole aiutano a combattere il diabete di tipo 2 e a sostenerlo è uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Montreal (Canada) e l’Università di Yaoundé (Camerun) e pubblicato su Molecular Nutrition and Food Research Journal.

    Questa malattia, conosciuta anche come “mellito” o “dell’età adulta”, si sviluppa quando i livelli di glicemia nel sangue sono più alti del normale perché l’organismo non risponde bene all’insulina, l’ormone che regola il livello degli zuccheri nel sangue oppure perché il corpo non produce livelli sufficienti dell’ormone.

    I frutti con il guscio, come le noci e le mandorle, sono perfette per tenere sotto controllo anche il colesterolo. Gli anacardi, dopo un interessante esperimento, hanno dimostrato di stimolare notevolmente l’assorbimento dello zucchero nel sangue da parte delle cellule muscolari”. Ora non possono essere assunti così, come terapia, al posto dei farmaci, ma aiutarsi con la giusta alimentazione aiuta il corpo a mantenersi in salute.