Dieta del gruppo sanguigno AB: alimenti e schema del regime alimentare del Dottor Mozzi

La dieta del gruppo sanguigno, nota anche come la dieta del Dottor Mozzi, è uno degli ultimi trend e si basa su gruppi sanguigni e combinazioni alimentari. Ecco una panoramica sugli alimenti consentiti e quelli nocivi per chi appartiene al gruppo sanguigno AB.

Pubblicato da Alessandra Zarzana Mercoledì 17 maggio 2017

Dieta del gruppo sanguigno AB: alimenti e schema del regime alimentare del Dottor Mozzi

Siete sempre aggiornati sui nuovi trend in fatto di diete? Allora avrete di certo sentito parlare della dieta del dottor Mozzi: la dieta del gruppo sanguigno. Non si tratta di una novità assoluta, poiché è stata ideata negli anni ’90 in America, dal Dottor D’Adamo. Secondo questo regime alimentare alcuni cibi rispetto ad altri inducono il nostro corpo a delle reazioni avverse in base al nostro gruppo sanguigno. Il nostro organismo reagirebbe attraverso le lectine, creando numerosi disturbi, in primis metabolici, che portano ad esempio a stanchezza e problemi digestivi. Tale dieta promette di aiutare a raggiungere il peso forma e mantenersi in salute, partendo proprio dalla tavola. Il gruppo AB è l’ultimo gruppo sulla scala evolutiva, nato solo mille anni fa, è un mix tra il gruppo sanguigno A e quello B, più resistente alle malattie infettive ma più predisposto a quelle tumorali. Dal gruppo A eredita ad esempio l’incapacità di digerire correttamente la carne rossa, e da quello B la carne di pollo: se volete dimagrire, quindi, i primi alimenti da eliminare sono questi due. La fonte proteica per eccellenza per voi è il pesce, evitando però i crostacei e i molluschi. Potete invece introdurre nella vostra dieta le lumache. Secondo le teorie contenute nei libri del dottor Mozzi, siete più predisposti allo sviluppo del cancro al seno, quindi dovete evitare tutti quegli alimenti che aumentano la produzione di muco, tra cui sicuramente i latticini. Guardiamo insieme, le tabelle e lo schema del menù della dieta del gruppo sanguigno AB.

Come già anticipato, spesso la dieta del gruppo sanguigno è stata criticata, tanto da essere definita una bufala e non un vero e proprio regime alimentare. Le opinioni sulla dieta del gruppo sanguigno sono svariate, come le esperienze di chi ha provato tale dieta e ha ottenuto risultati. Lo scopo di questa dieta non è solo quello di far dimagrire, ma anche di prevenire patologie di diverso tipo. Una dieta dimagrante, dunque, per stare bene prima di tutto e poi per tornare in forma. Ciò che diventa fondamentale per seguire questa dieta è, quindi, conoscere gli alimenti e lo schema consigliato per il proprio gruppo sanguigno. Ad esempio, per quanto riguarda il gruppo sanguigno AB esistono delle pietanze in particolare da assumere e altre da evitare. Scopriamo quali sono.

Dieta gruppo sanguigno AB

Il gruppo sanguigno AB è un gruppo che può essere definito raro, ovvero sono poche le persone che appartengono a tale gruppo. Essi hanno, dunque, alcune caratteristiche proprie del gruppo A e altre del gruppo B, pertanto la dieta per queste persone è particolare e necessita di grande attenzione. Importante sapere, inoltre, che non esistono differenze tra la dieta del gruppo AB positivo e la dieta del gruppo AB negativo. Il Dottor Mozzi ha scritto un libro che approfondisce la dieta del gruppo sanguigno, in cui poter trovare tutte le informazioni approfondite, ma per chi fosse interessato a capirne di più e conoscerne alcune caratteristiche, ecco gli alimenti consentiti e quelli sconsigliati a chi appartiene al gruppo AB.
Secondo il Dott. Mozzi, infatti, per ogni gruppo sanguigno esistono degli alimenti benefici, degli alimenti neutri e altri addirittura nocivi. In particolare, per il gruppo AB, bisogna fare attenzione a determinati alimenti, secondo l’ideatore della dieta, poichè i soggetti appartenenti al gruppo AB sarebbero maggiormente predisposti a sviluppare tumori. Seguire l’alimentazione consigliata dal dottor Mozzi, dunque, aiuterebbe a diminuire le possibilità di avere tumori o altri problemi di salute tipici di chi appartiene a questo gruppo sanguigno.

Dieta gruppo sanguigno AB: alimenti consentiti

salmonegruppoAB
Via libera al pesce per chi appartiene al gruppo sanguigno AB. Il pesce, infatti, risulta essere la fonte proteica consigliata maggiormente a chi fa parte di tale gruppo. Sono da consumare, seguendo questa dieta, in particolare il merluzzo, il salmone fresco (non affumicato), il nasello, lo sgombro, il tonno e la cernia. Sempre meglio scegliere, quindi, i pescei ricchi di Omega-3.
Per quanto riguarda i formaggi, il Dottor Mozzi consiglia il consumo di quelli meno grassi, come la feta ma anche la ricotta vaccina. E’ consigliato, poi, il consumo di arachidi e noci, poiché la frutta secca è una importante fonte di proteine. Concentrandoci sui legumi, le persone del gruppo AB dovrebbero scegliere in particolare i fagioli borlotti e le lenticchie verdi. Le verdure invece sono assolutamente consigliate, in particolare la verza, i broccoli, il cavolo cappuccio e tutte quelle appartenenti alla famiglia delle crucifere, per la loro presenza di vitamina C, che si è rivelata antitumorale. Stessa cosa per le cipolle, che contengono quercitina. Importanti inoltre le erbe amare come rucola, cicoria e scarola. Da consumare tranquillamente anche i pomodori.

Dieta del gruppo sanguigno AB: alimenti nocivi

alimentinociviAB
Tra gli alimenti nocivi si può annoverare la carne rossa e i salumi. Questi, infatti, in particolare nei soggetti che appartengono al gruppo AB possono incrementare il rischio di tumori allo stomaco. Inoltre è sconsigliato consumare anche il pollo ma anche il maiale, il cavallo, il cinghiale e il vitello. In sostanza, secondo la dieta del Dottor Mozzi, sarebbe meglio evitare la carne di ogni tipo, tranne ad esempio quella di fagiano.
Per quanto riguarda il pesce sono considerati nocivi per le persone di gruppo AB l’aragosta, i gamberi, i granchi, il polipo, le vongole e il salmone affumicato. Inoltre è meglio evitare latte e derivati, che secondo l’opinione del Dott. Mozzi, sarebbero una delle principali cause dello sviluppo del cancro al seno. Al bando, quindi, burro e formaggi come il brie, il provolone ma anche il grana padano o il parmigiano reggiano. Meglio non mangiare, poi, tra i legumi, anche i fagioli azuki e quelli neri. Per quanto riguarda le verdure bisogna fare attenzione a non consumare quelle nocive per questo gruppo sanguigno, ovvero i carciofi, i peperoni o il topinambur, per citarne alcune.

La frutta nella dieta del gruppo sanguigno AB

ananas_dieta_gruppo_Sanguigno
A causa degli zuccheri contenuti nella frutta, il Dott. Mozzi consiglia di non mangiare molta frutta quotidianamente e di consumarla preferibilmente nella prima metà della giornata. Ovviamente è consigliato anche scegliere frutta fresca di stagione. Il limone è assolutamente necessario nell’alimentazione degli individui del gruppo AB. Il consiglio è quello di utilizzarlo come condimento per i cibi (evitando di associarlo a cereali e legumi) oppure di bere a stomaco vuoto il classico bicchiere di acqua tiepida con limone, che fa bene a fegato e intestino. Nella dieta originaria del Dottor D’Adamo, i frutti consigliati per questo gruppo sanguigno erano le ciliegie, le more e i mirtilli. A questi si aggiungono l’ananas, l’uva e le prugne fresche. Sono sconsigliate invece le arance, che potrebbero irritare lo stomaco.

Gli alimenti nocivi e quelli consigliati: le spezie?

spezieGruppoAB
La dieta del dottor Mozzi dei gruppi sanguigni e delle combinazioni alimentari punta l’attenzione anche sulle spezie, non solo in quanto in grado di insaporire i piatti ma anche e soprattutto come apporto di nutrienti aggiuntivi. Il prezzemolo, ad esempio, viene considerato molto utile, ma soltanto se utilizzato a crudo. L’aglio è molto consigliato grazie alle sue numerose proprietà, come anche il curry e lo zenzero.
Da bandire dall’alimentazione di chi appartiene al gruppo AB, invece, è qualunque tipo di pepe e il peperoncino rosso.