Dieta per dimagrire al mare: cosa mangiare e cosa evitare

Anche in spiaggia non si deve rinunciare alla linea: anzi, siamo facilitate proprio dal fatto che al mare si dimagrisce. Con piccoli accorgimenti, come i cibi da prediligere sotto l’ombrellone, si può perdere ancora più peso. In più saremo facilitate da tutte quelle attività da fare a riva: dalle passeggiate che riattivano la circolazione, ai racchettoni che tonificano il corpo e bruciano calorie. Vediamo la dieta estiva da seguire al mare

Pubblicato da Lavinia Sarchi Mercoledì 26 luglio 2017

Dieta per dimagrire al mare: cosa mangiare e cosa evitare

Non c’è mai un momento inadatto per tenersi in forma, anzi seguire una dieta in estate è quanto di più efficace: anche al mare si può dimagrire con la giusta dieta, magari scegliendo gli alimenti giusti da mangiare sotto l’ombrellone, e continuando a tonificare il nostro corpo senza rinunciare al relax. Iniziamo con l’alimentazione, vedendo cosa mangiare e cosa evitare in vacanza per dimagrire anche sul bagnasciuga. Quella che vi proponiamo è una dieta estiva per la spiaggia molto efficace, scopriamo insieme il menù consigliato per perdere i chili in eccesso e quali sono i principi da seguire per non strafare e mantenere il peso forma.

Perché il mare fa dimagrire

Innanzitutto, prima di stilare il decalogo a favore della linea, la buona notizia è che il mare fa dimagrire: l’aria è ricca di iodio, elemento importante per il nostro corpo, tra i cui benefici c’è quello di accelerare il metabolismo, favorendo il dimagrimento naturale.
In più, l’acqua salata contiene il magnesio, sostanza che viene assorbita tramite la pelle con benefici sul tono muscolare, a partire dall’odiata cellulite. A questo proposito sono infatti dei toccasana le passeggiate in riva la mare: un esercizio fisico estremamente utile per il benessere del sistema circolatorio e linfatico; acqua e sabbia garantiscono una azione rigenerante e defaticante e aiutano i muscoli a liberarsi dell’acido lattico. L’azione dell’acqua sulla gambe e quella della sabbia sotto le piante dei piedi facilitano il cosiddetto ritorno venoso, la risalita del sangue, attraverso le vene, verso il cuore migliorando la circolazione e l’ossigenazione del sangue.

Dieta estiva al mare: i principi

Nonostante il caldo, in estate più che mai è importantissimo fare un’abbondante colazione. Se non ve la sentite di mangiare troppo andrà benissimo uno yogurt fresco, accompagnato da una macedonia di frutta.
In estate diventa poi fondamentale consumare molta frutta e verdura: ottime quelle con proprietà antiossidanti come agrumi, carote, pomodori, albicocche, pesche, frutti di bosco, melone, che ci aiutano anche a prepararci all’abbronzatura. Ottimo anche consumare molti cereali integrali come orzo o farro, da accompagnare con verdure e legumi.
Da evitare i condimenti troppo grassi ma anche le cotture fritte e pesanti. Per la cena meglio consumare proteine come quelle del pesce o carne bianca, uova o formaggi freschi.
Anche se in estate si raccomanda di consumare molto frutta, cercate sempre di non esagerare perché si tratta comunque di alimenti ricchi di zucchero, che potrebbero rendere più difficile la vostra dieta.

Dieta estiva in spiaggia

Prima di fornirvi la dieta ideale per la spiaggia, è bene tenere a mente che dobbiamo bere tanta acqua. Il nostro corpo ha ancora più bisogno di idratazione per il caldo e ingerire liquidi aiuta muscoli ed organi interni a lavorare efficacemente arrivando a bruciare calorie più velocemente.
Cosa mangiare al mare per dimagrire allora?

La colazione prima della spiaggia

colazione spiaggia

Si inizia con una colazione con fibre, grassi e proteine. Muesli senza zucchero o avena, un succo di pompelmo o di ananas senza zucchero, yogurt greco (intero) o latte intero, caffè. Va bene anche la nutella o il burro di arachidi, purché spalmati su pane esseno o azzimo integrale, o pane integrale tostato e accompagnati da un bicchiere di latte o da yogurt.

Pranzo: alimenti sì e no

quinoa

L’ideale per la spiaggia sarebbe un pasto completo di tante proprietà nutritive che vi aiuta ad aumentare il metabolismo e a rallentare la fame senza appesantire lo stomaco. Le idee per il pranzo da spiaggia sono molte, un esempio? Preparatevi una bella insalata di quinoa alle verdure. Piatto pratico da portare sotto l’ombrellone, è ricco di proteine ad alto valore biologico, come quelle della carne, regola la glicemia e di conseguenza la fame. Va benissimo anche un’insalata di riso, dove mettere tanti ingredienti freschi o lo stesso si può fare con la pasta fredda.
Alimenti da evitare: No a carne rossa e salumi. Non vi offrono nutrienti ma solo tossine aumentando così i tempi della digestione ed in seguito il calore nel corpo.

Spuntino sotto l’ombrellone

frutta verdura
Fate sempre uno spuntino in spiaggia, sia per spezzare la fame che reidratare il corpo. Sì a frutta, verdura cruda, barrette di cereali biologiche. La frutta ideale, come il cocomero, ricca di sali minerali e vitamine, è facile da digerire, così l’organismo risparmia energia e di conseguenza sente meno calore. Se pensate invece a qualcosa di più sostanzioso e salato, potete anche portarvi un tramezzino coi gamberetti.
Evitate invece patatine, merendine preconfezionate.

Schema della dieta estiva al mare

Per capire meglio come muoversi, qui sotto potete trovare lo schema da seguire per una settimana di dieta estiva al mare. Ovviamente i giorni possono essere invertiti, l’importante sarà non ripetere mai per due volte lo stesso menù giornaliero: quindi il menù del lunedì si può seguire il giovedì (e viceversa) ma non potrete seguire due volte il programma del lunedì.

Lunedì – giorno 1

QuandoMenù
Colazione150 ml di yogurt bianco con 2 cucchiai di cereali e un frutto
Pranzoinsalata di cetrioli e salmone al naturale (100 g) condita con una salsina a base di olio extravergine, pepe, yogurt naturale e erba cipollina, ½ panino (30 g) integrale, 2 susine
Cena2 spiedini di pesce (anche gamberi) e peperoni alla griglia, insalata verde con lattuga, ravanelli e cipollotti condita con 1 cucchiaio di olio e limone, 3 palline di gelato alla frutta

Martedì – giorno 2

QuandoMenù
Colazionetè con 4 fette biscottate spalmate con un velo di marmellata
Pranzoinsalata nizzarda con fagioli, pomodori, 80 g di tonno al naturale, 1 uovo sodo, 4-5 olive nere condita con 1 cucchiaio di olio e limone, ½ panino (30 g) integrale, 1 pesca
Cena80 g di pasta ai frutti di mare (1 porzione da ristorante), insalata mista a volontà con 1 cucchiaio di olio e limone

Mercoledì – giorno 3

QuandoMenù
Colazionecaffè o orzo, 1 budino (o desser di latte e riso) confezionato, 1 macedonia
Pranzoinsalatona di lattuga, carote, rucola e sedano con 100 grammi di gamberetti condita con 1 cucchiaio di olio e limone, ½ panino (30 g) integrale, 1 coppa di macedonia al naturale con 1 pallina di gelato fiordilatte o alla frutta
Cenainsalata di pasta fredda (70 g) con pomodorini, basilico, capperi, 40 g di parmigiano in scaglie (in alternativa 60 g di feta a cubetti), scorza di limone bio grattugiata condita con 1 cucchiaio di olio e pepe, 1 coppa di fragole al naturale o 1 fetta di anguria

Giovedì – giorno 4

QuandoMenù
Colazioneun toast piccolo con prosciutto e formaggio e una spremuta
Pranzo80 g di bresaola con insalata mista di rucola, peperoni, sedano e 30 g di parmigiano in scaglie condita con 1 cucchiaio di olio e pepe, ½ panino (30 g) integrale, 1 fetta di ananas
Cenauna porzione media di insalata di riso versione marinara (60 g di riso + 200 g tra gamberi, cozze, moscardini, pesce spada + cubetti di pomodoro fresco e un filo di olio e limone), 1 coppa di fragole al naturale

Venerdì – giorno 5

QuandoMenù
Colazionecappuccio e brioche del bar
Pranzoinsalata caprese con 125 g di mozzarella e pomodoro a volontà condita con 1 cucchiaio idi olio e origano, ½ panino (30 g) integrale, una fetta di ananas
Cena150 g di roast beef, verdure grigliate a piacere, sorbetto alla frutta

Sabato – giorno 6

QuandoMenù
Colazione250 ml di caffè e latte con 5 frollini
Pranzo80 g di prosciutto crudo magro e melone, insalatina mista condita con una salsina a base di olio extravergine, pepe, yogurt naturale e erba cipollina, 2 crackers o grissini
Cena200 g di pesce alla griglia, insalata mista a volontà con 1 cucchiaio di olio extravergine e limone, 3 palline di gelato alla crema

Domenica – giorno 7

QuandoMenù
Colazionefrullato con 200 ml di latte e 150 g di frutta
Pranzoinsalata di lattuga, carote e mela verde tagliate alla julienne con 1 cucchiaio di olio extravergine e pepe, 100 g di caprino o altro formaggio fresco, ½ panino (30 g) integrale, 2 albicocche
Cenauna pizza marinara o focaccia da pizzeria con rucola e pomodoro crudo, una coppa di frutti di bosco

Attività sportive e motorie al mare

beach volley

Al mare si dimagrisce quindi, non solo per quanto detto fino adesso, ma anche perché c’è una serie di attività sportive da fare sfruttando sempre il beneficio dell’acqua. Oltre alle passeggiate che riattivano la circolazione, l’apoteosi dell’attività al mare è il nuoto. Una bella nuotata di mezz’oretta 3 volte la settimana funge da vero e proprio training sportivo; allena il fiato e rinvigorisce tono muscolare e articolare. Sviluppa i dorsali, rassoda le braccia e il seno, tonificando i pettorali. Migliora anche la postura, donando grazia ed eleganza alla camminata.

Il mare favorisce la pratica di numerosi sport direttamente in acqua e non. Una partita a racchettoni, per esempio, oltre ad essere divertente fa consumare almeno 180 kilocalorie in mezz’ora, ancor di più il beach volley che oltre a farci fare amicizie estive, tonifica le gambe e fa bruciare un sacco di calorie: 450 in un’ora!