Dieta vegetariana per dimagrire: gli errori che non ti fanno perdere peso

Molti pensano che la dieta vegetariana faccia dimagrire naturalmente, ma non è così. Se hai deciso di diventare vegetariana per ritrovare il benessere e la linea ma non riesci a perdere peso, stai probabilmente commettendo qualche passo falso. Scopri quali sono i 7 errori che ti impediscono di dimagrire.

da , il

    dieta vegetariana

    La dieta vegetariana è molto utile per disintossicare il corpo e ritrovare il benessere. Eppure chi la segue per dimagrire commette alcuni errori che rendono impossibile perdere peso. E’ importantissimo che nel menu settimanale siano presenti tutti i nutrimenti necessari per un’alimentazione vegetariana corretta, sana e bilanciata. Per godere dei benefici dell’essere vegetariani vanno rispettate alcune regole, solo così potrete perdere peso e sentirvi in forma. Vediamo quali sono gli errori tipici che ti impediscono di dimagrire e come strutturare un menu bilanciato per una dieta vegetariana efficace.

    1) Eliminare le proteine

    dieta vegetariana, proteine
    Photo by al1962/Shutterstock.com

    La dieta vegetariana fa ingrassare? Dipende da cosa si mangia, certo è che eliminare totalmente alcune sostanze nutritive non è una buona idea, non solo dal punto di vista salutistico ma anche dietetico.

    Per esempio le proteine contenute nella carne dovrebbero essere sostituite con altri nutrienti, senza timore che facciano ingrassare perché, combinate nel modo giusto, favoriscono il dimagrimento.

    Vi forniamo di seguito un esempio di menu quotidiano che potete usare come esempio per includere le proteine nella vostra dieta vegetariana.

    Pasto Cosa mangiare
    Colazione macedonia di frutta fresca + latte di soia o 1 avocado crudo + pomodori + 50 grammi di tofu.
    Spuntino 1 mela + 1 frullato di proteine con latte di soia.
    Pranzo 100 gr. di riso bollito + 100 gr. di tofu da insaporire con spezie
    Merenda 1 bicchiere di latte di soia o 1 yogurt
    Cena zuppa di lenticchie o minestrone di ceci.

    2) Condire troppo le pietanze

    dieta vegetariana per dimagrire
    Photo by Dori Dumrong/Shutterstock.com

    I condimenti hanno un ruolo importante dal punto di vista dietetico perché se troppo grassi o eccessivi, possono pregiudicare la perdita di peso.

    Se pensate che seguire una dieta vegetariana vi faccia dimagrire vi sbagliate. Sicuramente eliminare la carne e ridurre gli alimenti di origine animale renderà la vostra alimentazione povera di grassi; tuttavia per perdere peso è necessario fare molta attenzione ai condimenti, anche una semplice insalata se condita con troppo olio può farvi ingrassare.

    Il fatto che sia un piatto vegetariano non significa che sia anche leggero, dipende da com’è preparato.

    Ecco un’ottima ricetta light per un’insalata vegetariana: tagliate un finocchio riducendolo a lamelle sottilissime e tenetele a bagno in acqua ghiacciata almeno per un’ora, per farle arricciare. Togliete la buccia e la parte bianca alle arance e sbollentatene le bucce, 3-4 volte, rinnovando sempre l’acqua.

    Conservate 3 cucchiai dell’ultima acqua ed emulsionatela con 6 cucchiai di olio extravergine vegano, per avere il condimento al quale vanno aggiunti una manciata di pistacchi, sale e pepe. Preparate 4 cestini con le foglie di lattuga, guarnitele con le lamelle di finocchio arricciate e gli spicchi d’arance pelati. Condite con l’emulsione preparata.

    3) Evitare la frutta zuccherata

    dieta vegetariana

    La frutta è fondamentale in qualunque dieta e non c’è motivo di temere che faccia ingrassare a causa dello zucchero che contiene. Eppure banane e uva sono frutti che solitamente vengono sconsigliati se si vuole perdere peso.

    Ovviamente, come in tutte le diete dimagranti, anche in un’alimentazione vegetariana pensata per dimagrire è necessario evitare gli eccessi e mangiare solo quando se ne avverte il bisogno.

    Se mangiata con moderazione la frutta non vi farà ingrassare e anzi è consigliabile inserirla in qualsiasi dieta equilibrata.

    Da evitare sono invece i succhi preparati con aggiunta di zucchero come i classici succhi di frutta che troviamo al supermercato; se amate questo genere di bevande, preparate dei centrifugati di frutta fresca fatti in casa.

    4) Essere vegetariani = dimagrire

    dieta

    Se vi state chiedendo “perché mangio vegano e ingrasso” o “perché da quando sono vegetariana sono ingrassata”, la risposta è semplice: state mangiando in modo scorretto.

    Rinunciare a carne e pesce o a tutti i cibi di origine animale non vi permette automaticamente di perdere peso. Una dieta vegetariana sbilanciata può farvi ingrassare esattamente come qualsiasi altro regime alimentare.

    Non basta scegliere questi stili di vita alternativi per dimagrire, bisogna anche selezionare gli alimenti giusti e combinarli correttamente, in modo da non esagerare con le calorie. Pensiamo per esempio all’olio extravergine, le sue proprietà sono note ed è sicuramente un valido sostituto del burro, sia dal punto di vista nutrizionale che per chi segue una dieta vegana, eppure se si esagera nell’usarlo si rischia di rendere anche i piatti più leggeri estremamente calorici.

    E’ chiaro quindi che anche i vegani possono essere in sovrappeso, dipende dal tipo di alimentazione che seguono e dal tipo di piatti che mangiano.

    5) Mangiare cibi troppo lavorati

    cibi elaborati

    Per sostituire carne e pesce vegetariani e vegani ricorrono spesso ad alcuni derivati della soia come il tofu e il tempeh. Questi alimenti così come il seitan sono ricchi di proteine e per questo vengono consumati regolarmente da chi segue un’alimentazione vegetariana o vegana.

    Tuttavia, questi prodotti vanno consumati con moderazione, soprattutto se si vuole dimagrire. Nonostante le loro proprietà nutrizionali li rendano ottimi sostituti della carne, questi cibi sono abbastanza calorici e rischiano di farvi ingrassare.

    Meglio ridurre le quantità optando per questi cibi poche volte al mese, preferendo piuttosto alimenti freschi.

    6) Mangiare cibi non biologici

    cibi non biologici

    Il fatto di nutrirsi con frutta, verdura e altri cibi non biologici è controproducente perché spesso questi prodotti vengono trattati con pesticidi e altre sostanze chimiche nocive.

    I pesticidi possono distruggere il sistema endocrino e gli ormoni dell’organismo, agendo di conseguenza a sfavore della dieta dimagrante.

    Inoltre se siete attenti a quello che mangiate e avete scelto di seguire un’alimentazione vegetariana o vegana spinti da considerazioni etiche, dovreste anche considerare che per produrre frutta e verdura vengono utilizzati pesticidi e additivi chimici che inquinano la natura e non rispettano il naturale ritmo delle stagioni.

    Fate attenzione quando acquistate e scegliete prodotti biologici certificati e prodotti in Italia.

    7) Scegliere gli snack sbagliati

    barrette

    Non tutti gli snack sono leggeri e salutari solo perchè sono vegetariani. Le barrette ai cereali, le merendine al cioccolato, arachidi tostate, stuzzichini da aperitivo, non sono di origine animale ma sono comunque di ostacolo alla linea e se li consumate non riuscirete a dimagrire e nemmeno a ritrovare il benessere.

    Che seguiate una dieta vegetariana, vegana o che siate flessibili, è meglio evitare i prodotti confezionati e le lavorazioni industriali il più possibile. Inoltre, sebbene la frutta secca sia ricca di proprietà benefiche, va consumata con moderazione se l’obiettivo è perdere i chili di troppo, evitate quindi le barrette fatte con frutta secca, semi e caramello così come le brioche industriali e le patatine in busta.

    Al posto di questi snack optate per frutta e verdura fresche, da sgranocchiare in qualunque momento della giornata, o per uno yogurt di soia arricchito con 2-3 mandorle.

    Dieta vegetariana dimagrante: esempio di menu settimanale

    Essere vegetariani o vegani comporta alcuni sacrifici e soprattutto un po’ di impegno. Se siete alle prime armi e stata ancora valutando se diventare vegetariani o vegani, vi consigliamo di informarvi bene sui principi di una dieta vegetariana, sulle differenze tra vegetarianesimo e veganesimo e su come andrebbe impostato un menu se si vuole stare in forma e perdere i chili di troppo.

    Ecco allora un esempio di menu settimanale per chi vuole seguire una dieta vegetariana:

    Lunedì
    Colazione 125 gr. di yogurt magro (o di soia) + 3 fette biscottate integrali con marmellata di frutta senza zuccheri aggiunti
    Spuntino 1 tè o 1 tisana o 1 caffè amaro
    Pranzo 80 gr. di pasta condita con un filo di olio extravergine di oliva a crudo e 50 gr. di broccoli bolliti + 200 gr. di ananas fresco
    Spuntino 1 centrifugato di kiwi, mela e arancia senza zuccheri aggiunti
    Cena 200 gr. di fagiolini lessi + 2 fette di pane al farro + 100 gr. di ricotta (o di tofu) + 1 mela cotta (da insaporire con 1 cucchiaio di miele e/o cannella)
    Martedì
    Colazione 1 spremuta di arancia biologica + 2 fette biscottate integrali con marmellata di frutta senza zuccheri aggiunti
    Spuntino 125 gr di yogurt magro (o di soia)
    Pranzo 2 zucchine ripiene di riso + insalata mista con sedano, germogli di soia, mais dolce + 100 gr. di ananas al naturale
    Spuntino 1 tisana o 1 té o 1 caffé
    Cena 85 gr. di formaggio fatto con latte di capra (o di seitan) + 250 gr. di carciofi bolliti + 2 fette di pane ai cereali + 2 arance
    Mercoledì
    Colazione 1 caffè d’orzo + 4 frollini
    Spuntino 1 spremuta d’arancia o 1 frutto
    Pranzo 80 gr. di gnocchi di patate conditi con salsa di pomodoro + insalata di lattuga e radicchio + 1 mela
    Spuntino 125 gr di yogurt magro (o di soia)
    Cena 1 insalata mista con ceci e verdure a piacere + macedonia di frutta fresca
    Giovedì
    Colazione 1 caffè amaro o 1 tè + 2 fette biscottate integrali + 2 cucchiaini di miele o di marmellata senza zuccheri aggiunti
    Spuntino 2-3 fette di ananas al naturale
    Pranzo verdure grigliate a piacere + 100 gr. di ricotta o 100 gr. di tofu + macedonia di frutta di stagione
    Spuntino centrifugato di frutta o 1 frutto
    Cena ratatouille di verdure al forno + 1 pacchettino di crackers integrali + 1 yogurt greco
    Venerdì
    Colazione 1 spremuta di arancia biologica + 2 fette biscottate integrali con marmellata di frutta senza zuccheri aggiunti
    Spuntino 150 gr. di fragole o frutta a piacere
    Pranzo 60 gr. di pasta integrale condita con zucchine + 4 fette di ananas al naturale
    Spuntino 4 fette biscottate con miele o marmellata di frutta senza zuccheri aggiunti
    Cena 200 gr. di quinoa + 1 uovo poché + 2 fette di pane integrale + 1 frutto a piacere
    Sabato
    Colazione 1 tazza di latte scremato + 1 50 gr. di avena al naturale
    Spuntino 1 spremuta di pompelmo
    Pranzo 60 gr. di riso basmati con asparagi lessi + 2 pere
    Spuntino 125 gr di yogurt magro (o di soia)
    Cena 85 gr. di formaggio caprino fresco + insalata con indivia belga + 2 fette di pane al farro + macedonia di frutta fresca
    Domenica
    Colazione spremuta d’arancia + 30 gr di frollini ai cereali
    Spuntino 125 gr di yogurt alla frutta
    Pranzo insalata mista con verdure a piacere + 2 kiwi
    Spuntino 1 tisana o té con 2 fette biscottate integrali
    Cena 1 piatto di lenticchie in salsa di pomodoro + 2 fette di pane integrale tostato + 1 arancia.