Digestione lenta: colpa dello stress

da , il

    Digestione lenta: colpa dello stress

    Se la vostra digestione è lenta e problematica, il problema potrebbe non essere fisico ma solo psicologico. Lo stress, il lavoro, la fine di una relazione, sono tutti elementi che concorrono a farci sentire spesso gonfi e che non aiutano certo a digerire in maniera ottimale. Se poi ci aggiungete le sigarette fumate per sconfiggere la tensione, il quadretto si complica di molto! Maurizio Zagari e Franco Bazzoli, gastroenterologi del Dipartimento di Medicina clinica dell’Università di Bologna, hanno infatti dimostrato come lo stato psicologico influenzi moltissimo la digestione e l’irritabilità dell’intestino.

    Sono stati analizzati 1000 abitanti di due comuni in provincia di Bologna, Loiano e Monghidoro, che hanno dovuto compilare un questionario e sottoporsi ad una gastroscopia: «Si tratta di persone chiamate da noi a partecipare allo studio, che non si erano rivolte al medico per i disturbi: ciò significa che i dati raccolti sono lo specchio di quel che accade nella popolazione generale» sottolinea Franco Bazzoli.

    «Utilizzando i dati ISTAT assieme ai risultati del nostro studio possiamo stimare che circa il 12% degli italiani soffra di dispepsia funzionale, ovvero di difficoltà digestive e sintomi non legati a reflusso gastroesofageo, ulcera, tumori o altre malattie dell’apparato gastrointestinale» ovvero, chi è preoccupato e vive una situazione di stress rischia una digestione più lenta di sei volte rispetto a chi sereno.

    I dati degli studiosi indicano che ansia e stress emotivo possono essere le vere cause di disturbi digestivi cronici. «Il meccanismo preciso non si sa, probabilmente il disagio psicologico comporta un aumento della sensibilità viscerale. Purtroppo c’è da temere un incremento del numero di pazienti con dispepsia funzionale, visto che la crisi economica continuerà a mietere posti di lavoro e lo stress sembra non risparmiare nessuno», conclude Zagari.

    Attenzione dunque: lo stress fa male, soprattutto alla nostra alimentazione!