Insalata, come condirla per dimagrire

Molte persone che vogliono dimagrire sono abituate a non condire l’insalata, preoccupate dal fatto che un cucchiaio di olio apporta circa 100 kcal. Ma evitare il condimento non fa bene alla salute e non aiuta affatto a dimagrire. Può sembrare paradossale, ma è vero. Ecco perché.

Pubblicato da Valentina Morosini Mercoledì 4 novembre 2009

Un’insalata a pranzo una cena e crediamo che il nostro peso torni in forma. Purtroppo non funziona proprio così, perché dobbiamo stare attenti anche al condimento. Se anneghiamo l’insalata nell’olio o in salse non avremo grandi risultati. Ecco quindi come fare e perché.
L’insalata aiuta a mantenersi in salute e a dimagrire perché contiene sostanze antiossidanti che mantengono attivo il metabolismo, e fibre che disintossicano, ripuliscono l’intestino e aiutano ad assorbire meno grassi.

Evitiamo le salse, che sono troppo pesanti, e usiamo due cucchiaini di olio d’oliva che aiuta ad assorbire gli antiossidanti. Infatti, il betacarotene di radicchio, carote, pomodoro e mais, questi vengono assunti solo se veicolati da sostanze grasse.

L’olio possiamo poi miscelarlo a succo di limone, pompelmo o arancia; in alternativa all’olio, è possibile aggiungere qualche fettina di avocado, fonte di acidi grassi benefici per l’organismo e utili per l’assimilazione dei carotenoidi.

Foto tratte da
giallozafferano.it
forchettina.it
odealvino.com